Medaglia d'oro al triestino Fabrizio Calzi, campione italiano moto d'acqua 2017

Il pilota triestino ha partecipato nella categoria CIRCUITO SKI F3 come portabandiera per il 2017 dell’associazione sportiva Club del Gommone Trieste ed è andato a podio in tutte le gare distaccando subito gli avversari in classifica

Si è svolta sabato 7 aprile 2018 presso il Palazzo CONI a Milano, la cerimonia di premiazione del Campionato Italiano Moto d’Acqua 2017 da parte della Federazione Italiana Motonautica. Medaglia d’oro conquistata dall’atleta triestino Fabrizio Calzi, classe 1990. Il campionato italiano moto d’acqua è organizzato dalla Federazione Italiana Motonautica ed è l’unico ad essere riconosciuto dal CONI ; formato da cinque tappe in diverse località ha preso il via il 6 maggio 2017 di quest’anno ad Eraclea proseguendo per le località di Catanzaro, Brindisi, Idroscalo di Milano e conclusosi a Santa Severa (Roma).

Il pilota triestino Fabrizio Calzi ha partecipato nella categoria CIRCUITO SKI F3 (moto d’acqua con guida in piedi molto tecniche da guidare, occorre un eccellente allenamento e tanto equilibrio per essere un talento) come portabandiera per il 2017 dell’associazione sportiva Club del Gommone Trieste ed è andato a podio in tutte le gare distaccando subito gli avversari in classifica ottenendo un buon margine di punti; all’ultima gara del 23-24 settembre 2017 a Santa Severa (Roma) gli è bastato ottenere il secondo posto di giornata per aggiudicarsi il titolo italiano di categoria con un totale complessivo di 266 punti (23 piloti in categoria). Calzi afferma che è stata una stagione difficile con avversari molto forti pronti a dare battaglia ad ogni gara, ma il sacrificio e il costante allenamento sono stati ripagati a fine stagione con il titolo tricolore.

Il 28enne triestino, già Vicecampione Italiano (2014 e 2015) pratica questo sport da 7 anni e si allena nelle acque slovene di Ancarano con altri amatori di questo sport triestini e in trasferta a Jesolo con i piloti del team veneto Radical Riders dove ci sono gli spazi adatti per mettere le moto in acqua e le relative condizioni per praticare al meglio questo sport sia d’estate che d’inverno. Per effettuare questo sporti ci vuole un’ottima preparazione fisica che si ottiene in palestra mediante esercizi specifici ma soprattutto l’allenamento assieme alla moto d’acqua durante tutto l’anno per affinare la tecnica nelle varie condizioni marine; per questo l’atleta triestino si ritrova infatti meglio a guidare col mare mosso essendo abituato a guidare spesso in queste condizioni. Per la stagione 2018 il pilota parteciperà al Campionato Italiano cercando di ottenere i migliori risultati nella successiva categoria Ski F2 alla guida di una moto più potente rispetto alla precedente sempre motorizzata Kawasaki .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di iscritti alle alle università online, ecco quelle riconosciute dal Miur

  • "Sono stato aggredito con un piede di porco", triestino all'ospedale: "Volevano entrare in casa"

  • Incidente in via Udine: insulti e minacce di morte ad un medico del 118

  • Bimbo cammina in fondo alla chiesa, alcuni fedeli "cacciano" lui e la madre

  • Mano pesante del Questore, giù le serrande del Mc Donald's per una settimana

  • Blitz della Finanza sui subappalti in Fincantieri: un arresto, 19 aziende coinvolte e 34 indagati

Torna su
TriestePrima è in caricamento