Pallacanestro, serie D maschile: l' Interclub Muggia si impone sul Nord Caravan per 90-88

L'Interclub chiude la stagione con una vittoria, i rivieraschi certi della salvezza acquisita nel turno precedente si congedano dal PalAquilinia imponendosi sul Nord Caravan

Interclub – Nord Caravan 90-88 (23-19;45-41;70-63) Interclub: Schillani 6, Caineri 3, Manuelli S. 12, Ferrari, Gola 11, Manuelli I. 4, Zampa 2, Sodomaco 6, Liessi 2, Crevatin 18, Bassi 8, Trivillin 18. All.: Birnberg-Fuligno-Zgur Nord Caravan: Jordan 20, Zatti 9, Dal Moro 18, Valente 4, Gri 25, Jakes, Massarotti 2, Bomben 10, Salha. All.: Freschi

Dopo aver ottenuto la matematica certezza della permanenza in serie D l'Interclub chiude la post season nel migliore dei modi imponendosi tra le mura amiche del PalAquilinia al Nord Caravan per 90-88 in un match vivace da vedersi che ha allietato il numeroso pubblico presente nell'impianto muggesano nonostante la gara non avesse ormai nulla da dire sotto l'aspetto della graduatoria in quanto tutti i verdetti della poule retrocessione si erano già decisi la settimana precedente. Avvio di partita condotto su un sostanziale equilibrio in quella che possiamo tranquillamente definire una fase di studio (7-7,4') sino alla metà del primo quarto (9-9,5') con Trivillin bravo a trascinare la squadra nel finale di frazione, il tabellone alla prima sirena vede Muggia condurre di 4 lunghezze (23-19).

Nel secondo quarto la sostanza di fatto non cambia per i colori di casa abili a contenere gli avversari grazie soprattutto a validi inserimenti d'attacco accompagnati da veloci ripartenze cui i pordenonesi fanno difficoltà a contenere, si giunge così all'intervallo lungo sul +4 per l'Interclub (45-41). Parte subito bene Muggia nella ripresa: i ragazzi di coach Birnberg trovano il massimo vantaggio al 23' con capitan Simone Manuelli (53-43), a questo punto i pordenonesi reagiscono in maniera concreta; un calo di lucidità in fase offensiva piuttosto evidente dei rivieraschi mette in moto il Rorai che rientra in partita portandosi sul -2 (65-63) con Jordan, la contro risposta rivierasca non tarda ad arrivare, un canestro di Crevatin e una tripla siglata da Caineri a fil di sirena riportano Muggia avanti di 7 punti alla conclusione del terzo quarto (70-63).

L'esito del match viene messo nuovamente in discussione all'inizio dell'ultimo periodo: 2 bombe consecutive di Gri (70-69) riaprono nuovamente la contesa, Sodomaco ripristina il vantaggio (72-69) ma l'inerzia è in mano avversaria con il Rorai che trova il +7 (74-81) grazie a Bomben al 35', la voglia di vincere e regalare l'ultimo successo stagionale al proprio pubblico imprime a Muggia la forza di ribaltare le sorti della gara in un finale da punto a punto risolto da un ottimo Gola autore prima della doppia del sorpasso (88-87 a 1'25” dalla fine) e poi del canestro della vittoria finale (90-88) a 30” dall'ultima sirena a decretare la meritata vittoria.

Tanta è la felicità raccolta nelle parole di coach Birnberg: «eravamo reduci (la passata stagione,n.d.r.) da una mancata promozione nella categoria inferiore, ci siamo calati in questa nuova realtà con il 90% del roster composto da giocatori esordienti in serie D oltre che di un notevole numero di under: questo mix nei primi mesi del campionato ha raccolto ben poco sotto l'aspetto dei risultati tanto che in molti ci davano per spacciati già a gennaio/febbraio. Ne siamo venuti fuori positivamente grazie alla serietà di un gruppo sempre presente agli allenamenti che ha dimostrato un grande spirito di sacrificio oltre a una notevole dedizione al lavoro in palestra, il tutto è stato ripagato da questa grande soddisfazione chiamata salvezza.

I miei più sinceri ringraziamenti vanno rivolti ai ragazzi, allo staff tecnico nelle persone dei coach Fuligno, Zgur e Zadeo, al team manager Cortellino che ci ha fornito un grosso aiuto a livello organizzativo e in primis al nostro presidente il quale ha sempre creduto in noi, anche e soprattutto nei momenti difficili, sostenendoci sempre. Grande merito di questo importante risultato lo vorrei anche condividere, per tutto il lavoro svolto in tanti anni dietro le quinte, con Marco Manuelli: la salvezza porta anche la sua firma». Piena è la soddisfazione del numero uno rivierasco Marco Salviato: «abbiamo raggiunto l'obiettivo prefissato ad inizio stagione, anche stasera visto l'andamento della gara la squadra ha dimostrato che quando tira fuori il carattere merita la serie D. Prendendo in considerazione proprio la prestazione odierna mi permetto di dare una “tiratina” d'orecchi ai ragazzi: se sino dall'inizio si affrontava il campionato con determinazione e professionalità tali che la D richiede non ci sarebbe certamente stato il bisogno di aspettare la penultima giornata per avere la certezza matematica della salvezza, di conseguenza avremmo lottato per una posizione di classifica più serena e tranquilla. Rinnovo nuovamente i complimenti a tutti, giocatori e staff, sia per i risultati raggiunti che per il lavoro fatto, quest'ultimo costituirà un punto di partenza per la prossima stagione alla quale la società sta già lavorando: a breve comunicheremo il nuovo organigramma e gli obiettivi da raggiungere entro il prossimo biennio»

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Way of life" vince la Barcolana 51 (FOTO E VIDEO)

  • Sparatoria in Questura, offese sui social contro la Polizia: tre denunciati

  • Accoltellamento in scala dei Giganti: un 17enne italiano in prognosi riservata

  • Barcolana 51: i primi 10 classificati (FOTO)

  • Aggressione a colpi di martello a Ponziana, due persone a Cattinara

  • Giovane di 15 anni confessa l'accoltellamento: l'accusa è di tentato omicidio

Torna su
TriestePrima è in caricamento