Gautieri alla squadra: "I giocatori devono capire che vestono una maglia di grande tradizione"

Il neoallenatore della Triestina è stato presentato questa mattina in conferenza stampa. "Continueremo sul 4-4-2 ma valuteremo anche delle varianti". Milanese: "Devo vedere l'atteggiamento giusto, da squadra vera"

"L'atteggiamento di una squadra vera si vede nei momenti di difficoltà". Sono queste alcune delle prime parole del nuovo allenatore della Triestina Carmine Gautieri, presentato dalla società in conferenza stampa questa mattina allo stadio Rocco. L'allenatore napoletano, che prima della conferenza ha guidato il primo allenamento dei rossoalabardati, ha espresso questa sua convinzione anche al gruppo. "L'idea deve essere quella di un calcio propositivo, ma è altrettanto vero che entrambe le fasi devono venire curate meglio". 

4-4-2? Verranno valutate anche delle varianti

"I giocatori fanno il lavoro più bello del mondo - ha affermato Gautieri - e devono capire che vestono una maglia di grande tradizione". Sul modulo da adottare per il prosieguo della stagione partita al di sotto delle iniziali aspettative, il neoallenatore ha affermato che "continueremo con il 4-4-2 ma valuteremo anche delle varianti, evitando di creare confusione". La scelta di Mauro Milanese è ricaduta quindi su Gautieri, già cercato alcune settimane fa. Proprio per chiarire queste tre settimane passate tra l'iniziale contatto e la firma del contratto, l'Amministratore Unico è intervenuto spiegando le ragioni di questo "ritardo".  

Gautieri no, Gautieri sì: le motivazioni della scelta

"Per quale motivo ho aspettato per avere un nuovo allenatore? Nel momento dell'esonero di Pavanel c'erano tre partite ravvicinate e nessun tecnico avrebbe potuto incidere più di qualcuno che conosce già l'ambiente. E poi volevo ponderare la scelta, anche se non ho parlato con molti allenatori”. Milanese ha concluso ricordando che "se vogliamo risalire la china dobbiamo vincere le partite, cosa che dovremo fare anche in trasferta se guardiamo già in prospettiva play-off".

Come sempre, l'unico responso lo darà il campo. Domenica arriva il Padova capolista, per quella che si preannuncia già una gara capace di risollevare le sorti del campionato dell'Unione. In questi casi si sa, le motivazioni dei giocatori dopo il cambio di guida tecnica schizzano alle stelle. I 4000 abbonati sperano di rivedere al più presto quella convinzione che la scorsa stagione aveva portato i rossoalabardati ad un passo dalla serie cadetta. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore durante l'allenamento in palestra, salvata da un infermiere in pensione

  • "Sono stato aggredito con un piede di porco", triestino all'ospedale: "Volevano entrare in casa"

  • Incidente in via Udine: insulti e minacce di morte ad un medico del 118

  • Bimbo cammina in fondo alla chiesa, alcuni fedeli "cacciano" lui e la madre

  • Mano pesante del Questore, giù le serrande del Mc Donald's per una settimana

  • Trieste e Vienna sempre più vicine: in arrivo il nuovo collegamento ferroviario

Torna su
TriestePrima è in caricamento