Triestina, i tifosi tolgono il marchio alla società

A 10 mesi di distanza dalla shoccante decisione dei club dei tifosi (proprietari del marchio storico dell'Unione) di togliere lo stemma da maglie e muri della società - allora con a capo Mbock e Mehmeti -, ieri sera alla riunione del Centro di coordinamento dei Triestina club e Curva Furlan si è deciso di ripetere il gesto: fiducia zero verso Pontrelli

Era l'1 agosto 2014, la scorsa estate, quando a seguito dell'ennesima conferenza di chirimenti e propositi dell'allora presidente della Triestina Mehmeti, i rappresentanti dei tifosi decisero di far togliere dai muri e dalle maglie lo storico marchio dell'Unione Sportiva Triestina.

Ieri sera, a circa 10 mesi da quel gesto - ancora più shoccante e drammatico per la situazione in cui versava la società -, a margine della riunione del Centro di coordinamento dei Triestina club e Curva Furlan, i tifosi hanno deciso di togliere la concessione del marchio alla società di Pontrelli: «Il 24 i giocatori scenderanno in campo con il marchio ma che verrà tolto il giorno seguente», si legge tra i commenti su Facebook, dov'è stata data inizialmente la notizia, in attesa di un comunicato stampa che spieghi le motivazioni (che sono comunque intuibili vista la classifica, le questioni societarie e il rifiuto di vendere agli offerenti, e in ultimo il continuo cambio di allenatori). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Benzina in Slovenia: da oggi costa ancora meno

  • E' di Marina Buttazzoni il cadavere trovato a Portopiccolo

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • Rive, scampata tragedia nella notte: finisce in mare con la 500 e si salva da sola

  • Rivalutazione pensioni 2020, al via l'aumento degli importi

  • Studi legali migliori d'Italia, due triestini nella classifica di Forbes

Torna su
TriestePrima è in caricamento