Sabato, 18 Settembre 2021
Animali

Kokoro, un cucciolo salvato dalle fiamme in cerca di ospitalità e cure a Trieste

Attualmente Kokoro si trova in Bosnia, ha bisogno di ospitalità e di partire per Trieste il più presto possibile. Le sue condizioni sono gravi e queste cure possono essergli garantite solo in Italia. Lo stallo è supportato interamente dall'associazione Zampa nel Cuore Italia

Kokoro - Foto Facebook da Zampa nel Cuore Italia

Due settimane fa a Banja Luka, in Bosnia Erzegovina, è scoppiato un grosso incendio in una fabbrica. Purtroppo, legato all'interno di un cortile limitrofo, si trovava un cucciolo di 6 kg che è stato avvolto dalle fiamme. Il cane è stato sentito da tre persone che sono riuscite a portarlo via prima che esplodesse tutto. Il cagnolino si chiama Kokoro, nome scelto dai volontari che lo hanno preso in carico che in giapponese significa "dolce cuore", ed è in brutte condizioni. Nonostante tutto lui continua a scodinzolare e a dare baci affettuosi.

I tre ragazzi hanno chiamato una volontaria di Zampa nel Cuore Bosnia, un'associazione animalista che si batte per liberare i cani detenuti nei lager bosniaci e non solo. Kokoro è stato recuperato e portato subito dal veterinario.

La situazione è gravissima, le ustioni ricoprono quasi l'80% del corpo, Kokoro è però un guerriero e lotta giorno e notte per la sopravvivenza. L'associazione sta tentando di portare il cucciolo in Italia, a Trieste, per potergli garantire tutte le cure necessarie. È stata aperta una raccolta fondi per sostenere il costo delle cure. Zampa nel Cuore Italia cerca ospitalità temporanea per Kokoro che dovrà essere portato costantemente dal veterinario.

Per sostenere le spese veterinarie di Kokoro e aiutarlo a farlo arrivare a Trieste è attiva la raccolta fondi di Zampa nel Cuore Italia: qui il link diretto per dare un contributo.

Attualmente Kokoro si trova in Bosnia, ha bisogno di ospitalità e di partire per Trieste il più presto possibile. Le cure possono essergli garantite solo in Italia. Lo stallo è supportato interamente dall'associazione Zampa nel Cuore Italia. Per maggiori dettagli clicca qui.

L'associazione Zampa nel Cuore Italia

Nella Bosnia Erzegovina per legge un cane accalappiato deve essere soppresso entro quindici giorni dalla sua entrata nel locale canile lager. In questi quindici giorni questi poveri condannati vivono senza cibo e acqua in recinti costruiti su discariche malsane, al gelo d'inverno e sotto il sole d'estate. Questo si applica indistintamente a cani adulti e cucciolotti, a mamme gravide e cani malati. 

Ma nella città di Banja Luka nel nord della Bosnia, ci sono quattro angeli che spendono la loro vita per sottrarre queste creature innocenti ad un destino di crudeltà e morte. Quattro volontari che senza sosta, giorno e notte, salvano i cani randagi, magri, spesso brutalmente feriti e prossimi alla morte. Li curano, li nutrono e cercano per loro una sistemazione temporanea nei recinti per cercare di regalare loro una speranza di vita. Sono i volontari di Sapa u srcu-Zampa nel cuore Bosnia.

I volontari di Sapa u Srcu-Zampa nel cuore Bosnia con l'aiuto dei volontari di Zampa nel Cuore Italia, e con un loro sostegno economico, preparano queste dolci creature per un futuro di amore e sicurezza in seno ad una dolce famiglia qui in Italia, dove arrivano ogni due settimane portati direttamente dall'associazione Zampa nel Cuore Italia dopo avere ricevuto tutte le cure e i vaccini necessari per prepararli finalmente alla vita.

Zampa nel Cuore Italia è un'associazione animalista nata dieci anni fa che si batte per liberare i cani detenuti nei lager bosniaci e non solo: negli anni i volontari hanno deciso di aiutare molti animali in difficoltà dando casa anche ai pet più sfortunati e anziani dopo una vita passata in canile. Zampa nel Cuore è attiva anche presso le istituzioni locali con il supporto prezioso di ENPA BiH per sensibilizzare istituzioni e opinione pubblica.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Kokoro, un cucciolo salvato dalle fiamme in cerca di ospitalità e cure a Trieste

TriestePrima è in caricamento