rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
TriestePrima

La triestina Anna Gariuolo vince al Salone del libro di Torino

La diciottenne triestina Anna Gariuolo vince a Torino il premio di scrittura creativa con il romanzo breve "Colei che dilania". La studentessa del Liceo Scientifico "Galilei" di Trieste è stata premiata dalla Casa editrice Loescher e dalla scuola Holden di Torino

La diciottenne Anna Gariuolo del Liceo Scientifico Galilei di Trieste è la vincitrice del premio di scrittura creativa Prime Penne promosso dalla Casa Editrice torinese Loescher e dalla scuola Holden di Torino. Il riconoscimento, assegnato alla giovane scrittrice nel corso del XXIII Salone del Libro, prevede la pubblicazione del romanzo da parte di Loescher Editore, all'interno della collana Prime penne e un corso della scuola Holden afferente al programma Palestra Holden.

Lo diffonde in una nota stampa la stessa Loescher Editore: "Il pagliaccio Pennywise, nel romanzo It di Stephen King - si legge nelle motivazioni - è forse il più efferato mostro della letteratura. Non è solo il flagello di Derry, immaginaria cittadina del Maine, ma è Derry stessa, con tutti i suoi abitanti. Anche Anna Gariuolo, vincitrice dell'edizione 2015 del premio Prime penne, ambienta la sua storia dentro un mostro: Scilla. Città reale della Calabria, è anche la mostruosa ninfa della mitologia greca trasformata dagli dèi in "colei che dilania". Anna Gariuolo attinge alle sue radici di ragazza che vive a Trieste ma ha origini calabresi, e ci restituisce alle nostre radici mitico-culturali per rivivere - insieme alla storia di sua nonna - quella di un'epoca in cui le donne dovevano tenere le finestre chiuse, perché così comandava una legge atavica che solo la giovinezza può mettere in discussione".

La scuola Holden e Loescher Editore, per il secondo anno consecutivo dopo il successo della precedente edizione, hanno promosso il premio di scrittura creativa. "Gli studenti sanno osservare con uno sguardo attento e critico il mondo che li circonda e sanno dare vita a opere originali, capaci di raccontare le loro emozioni e le loro opinioni ai lettori di tutte le età - spiega Marco Griffa - Direttore Generale Loescher - per questo nella seconda edizione abbiamo voluto dare carta bianca e permettere ai partecipanti di concorrere con la tematica che gli è più affine e che sente maggiormente l'urgenza di essere narrata".

Complimenti dalla redazione di TriestePrima alla concittadina Anna Gariuolo.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La triestina Anna Gariuolo vince al Salone del libro di Torino

TriestePrima è in caricamento