rotate-mobile
La tradizionale cerimonia / Chiarbola - Servola - Valmaura / Ratto della Pileria

Festa della Liberazione, in Risiera torna il pubblico. Dal Carso alla città, ecco gli appuntamenti

L'inizio è fissato alle 11, poi ci sarà la deposizione delle corone in diversi punti della città. Sul Carso l'Anpi organizza la "Passeggiata della Resistenza", a Sottolongera chioschi aperti dalle 13:30. Tutti gli appuntamenti della giornata

Per la prima volta dal 2019 domani 25 aprile il pubblico potrà partecipare alla cerimonia di commemorazione del settantasettesimo anniversario della Liberazione dal nazifascismo, in programma alla Risiera di San Sabba dalle ore 11. E' questa la novità per quanto riguarda la tradizionale manifestazione che vedrà la presenza dei sindaci della provincia, dei rappresentanti delle associazioni e dei sindacati, oltre che dei vertici delle diverse comunità religiose cittadine. Alla cerimonia, alla quale parteciperà anche un picchetto dei Reggimento Lancieri di Novara, le persone avranno l'obbligo di indossare la mascherina. 

La cerimonia alla Risiera di San Sabba

Sarà presente anche la bandiera della Brigata Ebraica che, inquadrata nella Ottava Armata dell'Esercito Britannico, contribuì alla liberazione della penisola italiana. Saranno il sindaco di Trieste Roberto Dipiazza e la sindaca di Duino Aurisina-Devin Nabrezina a tenere i discorsi riservati al primo cittadino del capoluogo e a quello di un comune della provincia. Lucrezia Flora parlerà a nome delle Associazioni dei Partigiani e dei Deportati, mentre Emanuela Fregonese leggerà il discorso per i sindacati. Subito dopo saranno celebrati i i riti cattolico (officiato dall’arcivescovo Giampaolo Crepaldi), ebraico (a cura del rabbino capo della Comunità ebraica Paul Alexandre Meloni), greco-ortodosso (dall’archimandrita Grigorios Miliaris) serbo-ortodosso (da padre Raško Radovi?). Al termine dei riti è previsto il concerto del coro partigiano triestino, Pinko Tomazic. 

La deposizione delle corone

Dopo la cerimonia, alle ore 12.15, una delegazione dell’Amministrazione comunale di Trieste deporrà una corona al monumento ai Caduti in via dell’Istria, al cippo della Resistenza nel Parco della Rimembranza, alla lapide ai Caduti di via Massimo D’Azeglio, al cippo che commemora i 71 fucilati condannati dal Tribunale speciale fascista al Poligono di Villa Opicina e in via Ghega ai 51 martiri assassinati dai nazisti nel 1944. La corona alla lapide per i Caduti italiani e sloveni di San Giovanni nella lotta di Liberazione, situata in strada di Guardiella 25, non verrà deposta, in quanto l'edificio è ancora in fase di ristrutturazione. Sono molte le manifestazioni e le iniziative collaterali, in tutta la provincia.  

Passeggiata e festa a Sottolongera

L'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia organizza, con appuntamento alle 13 a Trebiciano, la "Passeggiata della Resistenza" che, dopo il pranzo al sacco e gli interventi musicali del duo Ra.Me, si concluderà ad Orlek. Rifondazione Comunista organizza presso la casa del popolo di Sottolongera in via Masaccio la tradizionale festa con apertura chioschi dalle 13:30. Tra incontri e la deposizione di una corona alla lapide dei caduti di Sottolongera, la giornata si concluderà alla fine del concerto antifascista del gruppo Ovce, in programma dalle 16:30.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa della Liberazione, in Risiera torna il pubblico. Dal Carso alla città, ecco gli appuntamenti

TriestePrima è in caricamento