rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Ovovia in Porto Vecchio / Barriera Vecchia - Città Vecchia / Corso Camillo Benso Conte di Cavour, 3

La Cabinovia "svelata" dai Fuksas: ecco le prime immagini

Nell'incontro "l'alfabeto del futuro" gli archistar hanno mostrato i primi rendering della stazione di testa che sorgerà in Porto Vecchio: "Un'opera ecologica, che produce energia"

La stazione della Cabinovia prende forma, quella “plasmata” dagli architetti Massimiliano e Doriana Fuksas, che oggi hanno reso pubbliche le tavole con i primi rendering del progetto, commentandolo e spiegandolo nell’ambito dell’evento “L'alfabeto del futuro”, organizzato nel centro congressi del Molo IV dai quotidiani Il Piccolo, La Stampa e altri quotidiani del gruppo Gedi News Network. Agli architetti è stata affidata la progettazione della stazione di testa in Porto Vecchio che, in queste prime immagini, colpisce soprattutto per il design avveniristico e la caratteristica forma esagonale.

Doriana Fuksas, intervistata dal direttore de La Stampa Massimo Giannini, ha parlato di “grande attenzione all’ambiente” per un’opera che utilizzerà  “materiali ecologici, completamente riciclabili e resistenti all’usura”, in particolare “pannelli fotovoltaici e vetro fotovoltaico” per una “struttura ecosostenibile che produce energia e fornisce informazioni”. La stessa stazione sarà realizzata prevalentemente in alluminio e sulla sua superficie si rifletterà il verde degli spazi circostanti, così come nello specchio d’acqua antistante.

Massimiliano Fuksas, a una domanda sulle motivazioni dei contestatori che la scorsa settimana hanno manifestato in corteo a Trieste, ha risposto che “in Italia abbiamo prodotto sette milioni di edifici abusivi e gli errori del passato, che sono stati permessi, hanno creato danni enormi, con il risultato che ora abbiamo paura a costruire”.

B22AB1FB-503D-4129-BD99-0B0DCF929E00-2

CA0D8CB5-DF2E-4892-B5F2-95065868C4F5-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Cabinovia "svelata" dai Fuksas: ecco le prime immagini

TriestePrima è in caricamento