Esame di stato di medicina rinviato, due neolaureati a Trieste: "Fateci lavorare"

Si tratta di Francesca Burlo e Antimo Tessitore. Fanno parte della lista dei 16 neodottori che hanno hanno chiesto "solo di essere medici" attraverso una lettera inviata al Miur in risposta alla misura intrapresa di rinviare la prova a causa dell'allarme per Coronavirus

"Non chiediamo sconti o vie facili, chiediamo solo di essere medici". Ci sono anche due studenti dell'Università degli Studi di Trieste tra i neolaureati che chiedono un provvedimento straordinario per "poter prestare il nostro servizio sin da subito", nel particolare contesto di emergenza da Coronavirus che acuisce la necessità di operatori sanitari. Francesca Burlo e Antimo Tessitore fanno parte della lista dei 16 neodottori che hanno hanno inviato una lettera al Miur in risposta alla misura intrapresa di rinviare la prova scritta dell'esame di stato che era fissata per il 28 febbraio. A livello regionale l'ateneo triestino è in compagnia dell'Università degli Studi di Udine. Mattia Cuzzocrea e Stefania Liviero sono infatti tra i firmatari per conto dell'accademia friulana. 

Tornando alla lettera, gli studenti si dicono preoccupati "non solo per la salute della collettività, ma, come futuri professionisti medici, riteniamo che, in questo attuale momento storico di carenza cronica di personale sanitario, e soprattutto in questa contingente situazione di emergenza territoriale, sia necessario garantire misure atte a rendere l'accesso all'Esame di Stato il più rapido possibile, in modo da permettere a tutti noi di abilitarci nei tempi previsti per esercitare la nostra futura professione".

Si chiede quindi al Miur di ritenere già passato l'esame, dato lo svolgimento già effettuato dei tre mesi di tirocinio, essendo "già stati valutati datutor, che hanno potuto ritenere valida o meno la nostra preparazione all'esercizio della professione medica". In alternativa si chiede di svolgere l'esame come previsto "tramite applicazione telematica, non necessariamente in ambiente universitario, in modo da evitare l'aggregazione di numerose persone".

"Riteniamo - concludono i neo-laureati - che uno slittamento a data da definirsi della parte scritta possa comportare seri problemi organizzativi, non solo per chi tra noi ha vinto borse di Medicina Generale o ha in programma l'iscrizione a Scuole di Specializzazione estere, ma anche per i concorsi futuri, uno su tutti il Concorso Nazionale per le Scuole di Specializzazione".

La lista dei neolaureati

Alessandra Iorfida, Università di Pisa
Daniele Crescenzi, Università Politecnica delle Marche
Emma Puggioli, Università di Bologna
Lorenzo Belluzzi, Università di Ferrara
Sara Vandelli, Università di Modena e Reggio Emilia
Tommaso Lotti, Università di Bologna
Mattia Cuzzocrea, Università degli Studi di Udine
Stefania Liviero, Università degli Studi di Udine
Victor Attilio Campagna, Università degli Studi di Milano
Francesca Burlo, Università degli Studi di Trieste
Antimo Tessitore, Università degli Studi di Trieste
Claudia Viteritti, Università di Torino
Simone Masci, Università degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti-Pescara
Irene Mattioli, Università di Modena e Reggio Emilia
Matteo Mancino, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma
Camilla Ferronato, Università di Verona

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Individuare i primi segnali di una polmonite con il saturimetro: come funziona e i migliori modelli

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

Torna su
TriestePrima è in caricamento