rotate-mobile
Da non perdere / Barriera Nuova - Città Nuova / Via Cesare Battisti, 18

"Lo sloveno con empatia" all'Antico Caffè San Marco: il 28 febbraio il ricordo degli antifascisti fucilati al poligono di Opicina

Nella cornice del progetto "Lo sloveno con empatia" un evento culturale dedicato agli antifascisti fucilati al poligono di Opicina: appuntamento da non perdere lunedì 28 febbraio alle 18.30 all’Antico Caffè San Marco

Nella corrispondenza ancora inedita di Viktor Bobek, nelle lettere d’ addio di Simon Kos e Pino-Pinko Toma?i?, scritte poco prima della fucilazione, traspaiono un atteggiamento stoico e privo di tremito fino all’ultimo istante prima della morte, denso di umana devozione ai propri affetti e alla propria terra, nonché un equilibrio interiore, dignità e nobiltà d’animo, fino all’ultimo attimo di vita. 

Se ne parlerà all’evento culturale dedicato agli antifascisti fucilati al poligono di Opicina, lunedì 28 febbraio, con inizio alle 18.30, all’Antico Caffè San Marco, in via Cesare Battisti 18. Interverranno gli storici Dunja Nanut e Štefan ?ok e Fabio Vallon, presidente del Comitato Provinciale ANPI - VZPI Trieste. Leggerà alcuni frammenti tratti dalla corrispondenza dei fucilati Marjetica Puntar dell’associazione Radijski oder.

Il progetto "Lo sloveno con empatia"

L’evento, organizzato in collaborazione con l’ANPI - VZPI Trieste si inserisce nella cornice della serie Lo sloveno con empatia, progetto a cura di Elena Cerkveni? Grill, in cui ci si impegna a promuovere la lingua e la cultura slovena nella nostra città, anche nelle scuole di ogni ordine e grado.

Come partecipare

Per partecipare all’evento è obbligatoria la prenotazione al numero di telefono 040/2035357 dell’Antico Caffè San Marco o con un messaggio sulla pagina Facebook dell’Antico Caffè San Marco. L’accesso sarà consentito solo con il Green pass rafforzato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Lo sloveno con empatia" all'Antico Caffè San Marco: il 28 febbraio il ricordo degli antifascisti fucilati al poligono di Opicina

TriestePrima è in caricamento