rotate-mobile
La mappa

In una mappa le persone più famose dei nostri luoghi

Un gruppo di ricercatori e ricercatrici ha creato una mappa mondiale assegnando a ogni luogo, incrociando milioni di dati, la persona più famosa che ci è nata: per ogni persona c'è anche un indice di notabilità

Che posto meraviglioso può essere, l'internet. In questa frase si riassume tutto il paradosso che viviamo quotidianamente in questa densa era in cui siamo calati: dove si può trovare tanto bene, però, si celano purtroppo anche tante insidie. Ma sarebbe sciocco soffermarsi solo sull'uso sbagliato che delle nuove tecnologie si può fare. Ecco allora che ogni tanto, dal profondo cilindro del web, vengono estratte delle autentiche perle, spesso utili e altre volte semplicemente molto interessanti. Navigando ci si può dunque imbattere, ad esempio, in una mappa del tutto sui generis, creata utilizzando i dati della ricercatrice francese Morgane Laouena, realizzata da Topi Tjukanov. e ispirata da People Map of the US di The Pudding: la mappa mostra i luoghi di nascita delle "persone più importanti" in tutto il mondo e i dati sono stati elaborati per mostrare una sola persona per ogni posizione geografica unica con il grado di notabilità più alto. Questo significa che prendendo il Friuli Venezia Giulia, per Udine verrà rilevato il nome di Tina Modotti, ad esempio, mentre per Trieste comparirà quello di Italo Svevo. Ma se fin qui tutto sembra abbastanza semplice, la peculiarità della mappa è rilevare i nomi di ogni paese, non solo delle città più grandi. Un modo simpatico per assegnare ai luoghi le persone e prendere maggiore consapevolezza dei nostri territori. Provate per credere, anche perché spostandosi sulla mappa è come viaggiare sui luoghi e cliccando sui nomi che mano a mano compaiono è possibile scoprire anche il grado di notorietà di ognuno.

Il progetto

Lo scopo della mappa è fondamentalmente quello di costruire il database più completo e accurato di individui importanti nel mondo. Un'impressionante quantità di dati è stata raccolta da varie edizioni di Wikipedia e Wikidata: utilizzando tecniche di deduplicazione su queste fonti parzialmente sovrapposte, è stata verificata dai ricercatori  in modo incrociato ogni informazione recuperata. La strategia dei creatori della mappa si è tradotta in un database sottoposto a verifica incrociata di 2,29 milioni di individui, di cui un terzo che non è presente nell'edizione inglese di Wikipedia. Per quelli che stanno già chiedendosi a cosa serve, la risposta arriva direttamente dai ricercatori e creatori:  "il database che qui documentiamo, grazie alla sua copertura temporale e spaziale, è adatto per esplorare le differenze di genere, la demografia, lo sviluppo urbano, la trasmissione culturale, il capitale umano, la crescita, le istituzioni".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In una mappa le persone più famose dei nostri luoghi

TriestePrima è in caricamento