Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo chef stellato Metullio omaggia il porto con una torta, nasce la Portualina (VIDEO)

In questo difficile momento il celebre cuoco triestino dell'Harry's di piazza Unità ha pensato di omaggiare il porto di Trieste con una torta dedicata. "Il mio bisnonno, mio nonno e mio padre lavoravano per la Compagnia Portuale di Trieste. Mi sembra giusto offrire un segno di affetto nei loro confronti"

 

"Il porto è un mondo a cui sono molto vicino. Mio bisnonno, mio nonno e mio padre lavoravano per la Compagnia Portuale di Trieste. Mi sembra giusto offrire un segno di affetto nei confronti dei lavoratori del porto, pronti a lavorare in una situazione così difficile. La Pasqua è un momento di rinascita, quindi cerchiamo tutti con dei piccoli gesti, di dare il nostro contributo”. Con queste parole lo chef stellato Matteo Metullio ha descritto l'omaggio nei confronti dei lavoratori portuali attraverso la creazione della torta Portualina. “La torta che abbiamo pensato è a base di caffè, uno dei simboli della città di Trieste, oltre che del porto”. “Sarà una torta golosa per corroborare il lavoro di chi sta in banchina”.

Le parole di D'Agostino

Largo dunque a crema al mascarpone, soffice pan di spagna e una pasta frolla croccante. Il risultato: un bilanciamento tra delicatezza ed energia, pensato per soddisfare proprio il palato dei lavoratori portuali che, si sa, fanno molta fatica manuale e hanno bisogno di rinforzarsi dopo il turno di lavoro. Zeno D'Agostino ha salutato con orgoglio la creazione di Metullio. "Manda un abbraccio simbolico al porto ed esprime un pensiero importante. Guardare alla Pasqua con positività, avendo rispetto e consapevolezza del lavoro di chi ci sta vicino e del lavoro di chi ci ha preceduto e tramandato un percorso di conoscenze.Tutti saperi da non disperdere e da valorizzare all’interno della nostra comunità. Questi saperi contraddistinguono il porto di Trieste che oggi più che mai lavora e non si ferma”. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TriestePrima è in caricamento