Sabato, 13 Luglio 2024
Contrarietà

Numero unico 112, l'opposizione attacca: "Il modello va rivisto"

In occasione della presentazione del libro bianco "Sette anni di disservizi e ritardi di soccorso in Fvg dopo l'attivazione del Nue 112 e della Sores a Palmanova" predisposto dai rappresentanti dell'associazione Costituzione 32 i rappresentanti della minoranza in consiglio regionale hanno evidenziato come "l'organizzazione attuale, che prevede un doppio passaggio di chiamata, vada assolutamente rivista"

TRIESTE - Ieri, presso la sede del Consiglio regionale Fvg, si è tenuta una conferenza stampa dedicata alla presentazione della terza edizione del libro bianco intitolato "Sette anni di disservizi e ritardi di soccorso in Fvg dopo l'attivazione del Nue 112 e della Sores a Palmanova" predisposto dai rappresentanti dell'associazione Costituzione 32, tra cui Laura Stabile e Walter Zalukar. L'evento ha visto la partecipazione dei consiglieri regionali di opposizione Furio Honsell (Gruppo Misto - Open Sinistra Fvg), Rosaria Capozzi (Gruppo Misto - Movimento 5 Stelle), Serena Pellegrino (Gruppo Misto - Alleanza Verdi e Sinistra), Simona Liguori (Patto per l'Autonomia-Civica Fvg) e del consigliere regionale Francesco Russo (Pd). "A più di sette anni dall'istituzione del Nue 112 e della Sores in Friuli Venezia Giulia - così la nota - le segnalazioni di errori e ritardi nell'emergenza territoriale continuano ad accumularsi, sollevando serie preoccupazioni sulla gestione dell'emergenza sanitaria da parte della giunta regionale e, in particolare, dell'assessore alla sanità Riccardi. I disservizi riportati, che includono ritardi fatali e mancate risposte tempestive, sono stati raccolti attraverso testimonianze di cittadini, articoli di cronaca e l'attività ispettiva dei consiglieri regionali, in questo importante documento". Nel corso della conferenza stampa si è evidenziato come il nuovo Piano emergenza urgenza "sostenga la validità dei modelli attuali senza fornire motivazioni adeguate o dati trasparenti". Approccio che, secondo i consiglieri e gli esperti presenti, "dimostra scarsa attenzione da parte dell'amministrazione regionale, che sembra ignorare il fatto che i disservizi nel soccorso possano tradursi in morti o situazioni più gravi evitabili". "Esprimiamo - scrivono i consiglieri - forti critiche nei confronti dell'assessore alla salute e della sua giunta, sottolineando come l'organizzazione attuale, che prevede un doppio passaggio di chiamata, vada assolutamente rivista. Chiediamo un intervento urgente e tempestivo da parte delle istituzioni per rivedere il modello organizzativo del Nue 112 e della Sores. Sollecitiamo inoltre una maggiore trasparenza nella gestione dei dati e una revisione critica delle politiche attuali, al fine di prevenire ulteriori disservizi che mettono a rischio la vita dei cittadini". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Numero unico 112, l'opposizione attacca: "Il modello va rivisto"
TriestePrima è in caricamento