Godersi le feste natalizie anche a tavola senza ingrassare, ecco i trucchi

Durante le feste tra pranzi in famiglia, buffet e cenoni, i buoni propositi per non esagerare a tavola sono tanti, ma come fare perché le buone intenzioni della vigilia diventino realtà? Ecco tutti i trucchi e i consigli per godersi le feste natalizie senza ingrassare

Durante le feste tra pranzi in famiglia, buffet e cenoni, non ingrassare a Natale sembra davvero una missione impossibile, il rischio di  fare il pieno di calorie è sempre dietro l’angolo. Ma se consideriamo solamente gli eccessi dei pasti delle feste tradizionali, ovvero il 24, il 25 e il 31, l'organismo è in grado di autoregolarsi e di mantenere il peso di partenza, soprattutto se tra un pasto e l'altro si pratica un po' di sport o ci si concede qualche camminata, ma il discorso cambia quando le esagerazioni durano da Natale all'Epifania, in questo caso la bilancia potrà segnare anche 3-4 kg in più, un carico poi difficile da smaltire dopo le feste, soprattutto per chi parte già appesantito. I buoni propositi sono tanti, ma come fare perché le buone intenzioni della vigilia diventino realtà? Ecco allora tutti i trucchi e i consigli per godersi le feste natalizie senza ingrassare. 

Riduci il carico calorico totale per compensare gli eccessi delle feste

Per quanto riguarda i pasti tra una festa e l'altra, cerca di rimanere leggero, scegliendo alimenti sazianti ma facilmente digeribili e con un basso apporto calorico. Preferisci cereali in chicco quali riso, farro, avena e grano saraceno, tutti rigorosamente integrali, rispetto a pane, pasta e riso raffinati, mangia tante verdure e, per cena, prediligi vellutate e zuppe con legumi. Infine, per quanto riguarda le proteine, opta per quelle del pesce magro

No ai digiuni

È importante non rimanere a digiuno dopo pranzi e cene natalizie, fare 5 pasti al giorno (colazione, spuntino, pranzo, merenda e cena), infatti, mantiene attivo il metabolismo e non ti fa arrivare a stomaco vuoto, e affamatissimo, al momento della cena. Ricordati, però, di optare sempre per spuntini e merende sane, come una mela, uno yogurt e magari un tè verde.

Bevi molti liquidi, ma fai attenzione all'alcol

Via libera ad acqua, tè verde, infusi o tisane senza zuccheri, che idratano e aiutano a depurare l’organismo. Al contrario invece, evita (o assumi con parsimonia) gli alcolici, che contengono le cosiddette calorie “vuote”, non apportando nessun tipo di nutriente ma, appunto, solo calorie. Ad esempio, un bicchiere di vino bianco contiene circa 70 kcal, un bicchiere di vino rosso circa 75 kcal, un bicchierino di amaro circa 314 kcal e un bicchiere di champagne circa 87 kcal.

Via libera a lunghe passeggiate e sport invernali

Approfitta del maggior tempo libero durante le vacanze per fare più movimento, ad esempio, camminare ogni giorno per almeno 30 minuti ad una velocità moderata di circa 4 km orari, ti permette di smaltire, al ritmo di 3 calorie al minuto, l’eccesso calorico assunto durante le feste.

Mangia tutto quello che ti piace, ma senza esagerare

Per non rinunciare a nulla, punta tutto sulle quantità di ogni pietanza, che devono essere piccole e moderate. Inoltre, non fare mai il bis, evita il pane e concediti il dolce che più ti piace, ma optando per una porzione piccola.

Non tenere gli avanzi del cenone 

Hai organizzato  il cenone ed è avanzato tanto cibo? Regalalo ai commensali o portalo alle associazioni umanitarie o alle parrocchie di quartiere, dove verrà donato a chi ne ha bisogno. Farai una buona azione ed eviterai di accumulare cuscinetti sui fianchi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fotografa i bambini e poi scappa su un’auto blu: la segnalazione parte dal Carso

  • Violento nubifragio sulla città, ai Vigili del fuoco raffica di richieste d'aiuto

  • Rifiuta le sue avances e lui le sputa addosso: sconcerto in piazza Libertà

  • Blitz di CasaPound in Consiglio sull'immigrazione, consigliere leghista: "Ai migranti sparerei"

  • Covid-19: quattro nuovi casi in Fvg, salgono i ricoverati in terapia intensiva

  • A Trieste "rischio" riammissioni in Slovenia, ecco perché i migranti arrivano a Udine

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento