Sale: come utilizzarlo correttamente in cucina ed evitare abusi nocivi

Il sale è un composto di cui il nostro organismo ha bisogno, ma un suo elevato consumo può comportare diversi problemi e disturbi al nostro organismo. Ecco dunque alcuni consigli per usarlo correttamente in cucina ed evitare inutili abusi

Il sale è un composto di cui il nostro organismo ha bisogno, ma un suo elevato consumo può comportare diversi problemi: disturbi al sistema cardio-circolatorio, il sorgere di ipertensione arteriosa, il rischio di malattie ai reni. Qualunque tipo di regime alimentare si adotti, è sempre bene tenere sotto controllo la quantità di sodio che viene consumata, anche perché il sodio è già presente in molti dei cibi che mangiamo quotidianamente.

Tipologie di sale

In commercio sono presenti diversi tipi di sale: da cucina (sottoposto a gradi di raffinazione ma senza additivi chimici), da tavola (sale macinato a cui viene aggiunto carbonato di magnesio ed altre sostanze), sale marino (che deriva dall'evaporazione dell'acqua di mare), sale di baia (viene usato per salare carne e pesce perché ottenuto dall'evaporazione dell'acqua di mare dovuta al sole ed al vento), salnitro (non è sale ma nitrato di potassio che viene usato come conservante). 

Sale: come utilizzarlo al meglio in cucina

Ecco a questo proposito alcuni consigli per un utilizzo corretto in cucina:

  • le verdure da lessare devono essere salate dopo la cottura per mantenere le loro sostanze nutritive;

  • i legumi secchi vanno salati a fine cottura per non farli indurire;

  • la carne in casseruola deve essere salata dopo averla fatta rosolare;

  • la carne da grigliare deve essere salata prima della cottura;

  • gli ortaggi che vanno tagliati a fette è preferibile salarli e lasciarli a riposo per circa 15 minuti prima di cuocerli. 

Sale: come evitare abusi

Ecco infine alcuni consigli per vivere meglio e rispettare la nostra salute evitando abusi:

  • abituate il palato al sapore originale dei cibi;

  • aggiungete il sale solo all'acqua di cottura della pasta e mai alle pietanze già condite;

  • condite le pietanze con spezie ed aromi;

  • riducete il consumo di cibi in scatola, spuntini salati, salse, dadi per brodo, pasti pronti surgelati;

  • preferite le carni bianche;

  • evitate di mangiare spesso carne conservata, formaggi stagionati, salumi, frutti di mare, pasta ripiena;

  • consumate molta frutta e verdura, tutti alimenti con basso contenuto di sodio;

  • optate per il pane senza sale;

  • leggete sempre le etichette dei prodotti alimentari e controllate se tra gli ingredienti è già presente il sale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina da 195 mila euro a Pola, la fuga e l'arresto sul confine: in manette due poliziotti e un carabiniere

  • Conte: "Se continuiamo così, in due settimane tutte le regioni saranno gialle"

  • Il Friuli Venezia Giulia torna in zona gialla

  • Vietati spostamenti tra regioni, ecco il nuovo Dpcm: cosa cambia

  • Carenza di vitamina D: come riconoscerla e rischi per la salute

  • I migliori panifici di Trieste secondo il Gambero Rosso

Torna su
TriestePrima è in caricamento