Alimentazione

Frutta di stagione: le proprietà e i mille benefici delle pesche

Un delizioso frutto, nutriente, ricco di sostanze benefiche e con un basso potere calorico: ecco tutte le varietà, i benefici e le proprietà delle pesche. Ottimi frutti di stagione, utili per combattere con dolcezza il caldo estivo

Che bontà la frutta estiva: la pesca (Prunus persica) è un delizioso frutto di stagione ricco di benefici e proprietà per il nostro organismo. Dalle origini antichissime, da già 5000 anni viene coltivato in Cina, essendo considerato simbolo di lunga vita. In Italia, a seconda della zona e della varietà, la loro raccolta avviene da maggio a settembre.

Le pesche sono drupe carnose, succose e zuccherine, hanno la buccia di colore giallo-rossastra ma anche bruna, che può essere sottile e vellutata o liscia (nettarine). La polpa è dolcissima e profumata e, secondo la varietà, può essere gialla o bianca con venature rosse più evidenti in prossimità del nocciolo. Sono state selezionate varietà a polpa bianca con il colore rosso esteso a tutta o quasi la polpa. La polpa può essere aderente al nocciolo (pesche duracine o "percoche"), o non aderente (pesche spiccagnole o spiccaci o spicche).

Curiosità

Il pesco è un albero originario della Cina, dove fu considerato simbolo d'immortalità, e i cui fiori sono stati celebrati da poeti, pittori, cantanti, scrittori e registi cinematografici. Dall'oriente il pesco giunse in Persia, poi giunse in Europa. Dalla Persia deriva quindi il nome della specie, con significato di "della Persia" (ripreso ancor oggi in molti dialetti e lingue d'Italia come per esempio nel romanesco "persica" o nel genovese "persiga" o nel veneto "pèrsego" o ancora nel sardo "pessighe"/"pessike" e nel piemontese "persi").

In Egitto la pesca era sacra ad Arpocrate, dio del silenzio e dell'infanzia, tanto che ancora oggi le guance dei bambini vengono paragonate alle pesche, per la loro morbidezza e carnosità. Il frutto arrivò a Roma nel I secolo d.C., diffondendosi in tutto il bacino del Mar Mediterraneo grazie ad Alessandro Magno.

Le varietà

Possiamo suddividere le pesche in:

  • pesca gialla: polpa succosa e profumata, con nocciolo libero, o meno, e pelle vellutata;
  • pesca bianca: polpa bianca e filamentosa, con nocciolo aderente, o meno;
  • nettarina (pescanoce o nocepesca): sia a polpa gialla, sia a polpa bianca, dalla pelle liscia e rossastra, con nocciolo libero, o meno;
  • percoco: pesca da industria, idonea alla trasformazione;
  • merendella: pelle liscia e colore bianco-verde, con polpa aderente al nocciolo, diffusa in Sicilia e soprattutto in Calabria, in particolare nella fascia ionica catanzarese;
  • pesca saturnina: forma schiacciata, sapore intenso.

Inoltre le pesche sono state selezionate nel tempo in una vasta varietà di tipologie a seconda dell'ambiente, per meglio adattarsi al clima in cui crescono. 

Una pesca attualmente tornata in alto consumo è la saturnina, coltivata principalmente in Sicilia, il suo nome ci fa intuire la forma schiacciata come gli anelli del pianeta Saturno e si presenta con polpa bianca e venature rosse, molto gustosa e profumata.

Proprietà e benefici delle pesche

La pesca è ricca di acqua sino al 90% e quindi viene utilizzata come rinfrescante, dissetante e ha persino proprietà diuretiche e leggermente lassative utili contro stitichezza, calcoli renali e cellulite.

Questo frutto è nutriente e ricco di sostanze benefiche, ma ha un basso potere calorico. La pesca contiene molti sali minerali, primo tra tutti il potassio, poi fosforo, calcio, magnesio e anche ferro. Tutti questi sali sono ottimi in estate, in particolare il potassio oltre ad essere ricostituente è un tonificante che aiuta le funzionalità del sistema nervoso e del battito cardiaco.

Un importante elemento presente è lo iodio, soprattutto in quelle a pasta bianca; lo iodio viene in aiuto alle funzionalità della tiroide ed è quindi indicato per ipotiroidismo. Esso permette una maggior produzione di ormoni tiroidei che accelerano il funzionamento di tutti gli apparati, compreso il fegato.

Tra le vitamine, è ricca in vitamina C. Essa è utile per rinforzare il sistema immunitario e fortificare le ossa. Le pesche contengono il precursore della vitamina A (chiamato beta-carotene) che nel nostro organismo si trasforma conseguentemente in vitamina A e svolge molteplici funzioni contro gli agenti inquinanti, purifica e aiuta le ossa, i denti e la pelle. Le vitamine A e C sono anche potenti antiossidanti per combattere i radicali liberi. Contiene ancora le vitamine B, K ed E.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frutta di stagione: le proprietà e i mille benefici delle pesche

TriestePrima è in caricamento