Vitamine e sali minerali per contrastare la caduta dei capelli in autunno

L'autunno è appena arrivato, la stagione per eccellenza della caduta dei capelli. Ma sapevate che il segreto per contrastare questo fenomeno è la dieta? Ecco qualche trucco, a cominciare da una dieta ricca di vitamine e minerali

Foto d'archivio

L'autunno è appena arrivato, la stagione per eccellenza della caduta dei capelli. Si tratta di un fenomeno molto diffuso sia negli uomini che nelle donne, ma secondo gli esperti il ricambio del capello è un processo naturale che diventa più evidente durante i passaggi tra le stagioni. I capelli, infatti, seguono un loro ciclo vitale, scandito da un ritmo che subisce influenze stagionali e che varia da individuo a individuo. Niente di preoccupante insomma, ma esistono diversi trucchi per contrastare il fenomeno, a cominciare da una dieta ricca di vitamine e minerali.

Cambio di stagione e caduta dei capelli

Il continuo rinnovamento dei capelli si articola in tre fasi in cui si alternano “attività” e riposo: la crescita, la fase di involuzione e la fase telogen, ovvero quando il capello cessa ogni attività vitale ed è pronto a cadere. Quest'ultima attività ha vita soprattutto nei cambi di stagione, quando tutto l’organismo subisce una fase di adattamento al nuovo regime dietetico e alle temperature esterne che cambiano. A favorire l’eccessiva caduta ci sono anche altri fattori, come stress psicofisici, diete squilibrate, fumo, assunzione di alcuni farmaci e, nelle donne, le alterazioni ormonali legate a particolari periodi come gravidanza, allattamento, menopausa.

Caduta dei capelli: quando e perché avviene

Più attenzione alla dieta

Prediligere un’alimentazione sana ed equilibrata è la strategia migliore per mantenere in salute i capelli. È stato infatti dimostrato che cibi ricchi di proteine, vitamine e minerali, oltre a nutrire l’organismo, rinforzano anche i capelli.

Per fare qualche esempio pratico, alcuni studi hanno scoperto che la vitamina C (agrumi, kiwi) sia essenziale nella produzione di collagene, il costituente fondamentale della fibra capillare. La vitamina A (carote, peperoncino), invece, ha un ruolo importante nei processi di rigenerazione cutanea, oltre che un elevato potere antiossidante. Sono fondamentali anche le vitamine del gruppo B (pesce, piselli, latte), coinvolte nella sintesi della cheratina, la proteina che costituisce una delle principali componenti dei capelli. Le stesse hanno un ruolo anche nel metabolismo energetico cellulare e l’azione di contrasto nei confronti dello stress, una delle principali ragioni di eccessivo diradamento e caduta.

Infine, non vanno dimenticati i minerali. Il ferro (legumi, carne, cereali integrali), ad esempio, che svolge un ruolo chiave nei processi di ricrescita del capello in quanto trasporta alle cellule l’ossigeno necessario. Oppure lo zinco (ostriche, granchio, frutta secca), che interviene nella sintesi della cheratina, e il rame (salmone, orzo, avena), in quanto partecipa alla sintesi di melanina, la proteina che colora il capello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato in una pozza di sangue, giovane gravissimo a Cattinara

  • Giovane ferito gravemente: operato d'urgenza, è ricoverato in terapia intensiva

  • Giovane triestina adottata alla nascita, dopo 40 anni cerca i veri genitori: la storia di Ambra

  • Tragedia in viale D'Annunzio: anziano muore in strada prima di arrivare all'ospedale

  • Non si lega al deltaplano biposto, precipita e muore a 52 anni, illesa la compagna triestina

  • "Il tuo pacco sta arrivando", ma è un virus: denunce a raffica a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento