Cura della persona

Come limitare le irritazioni alla pelle dovute all’utilizzo prolungato di mascherine e guanti

Molti dermatologi dichiarano un netto aumento dei casi di dermatiti irritative in coloro che sono obbligati a indossare mascherine, e in genere dispositivi di protezione individuale, per tutto il giorno. Ecco come limitare le irritazioni

Foto Ansa

Si è discusso molto sull'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale ormai necessari e obbligatori per limitare il rischio di contagio da Covid-19, accessori importantissimi che indossiamo normalmente e divenuti ormai parte integrante della nostra vita quotidiana: ma a lungo andare quanto possono essere dannosi per la pelle?

Molti dermatologi dichiarano un netto aumento dei casi di dermatiti irritative in coloro che sono obbligati a indossare questi dispositivi tutto il giorno (lavoratori di strutture sanitarie, di pubblici esercizi o delle fabbriche). Il loro uso prolungato, infatti, rischia di generare non pochi problemi alla pelle del viso e arrossamenti soprattutto sulle mani e, complici gli elastici, nella zona dietro le orecchie. Ma non solo: anche l’assiduo utilizzo di gel igienizzanti e prodotti per la disinfezione degli ambienti possono col tempo seccare la pelle e rovinare l’integrità della barriera cutanea, soprattutto in chi ha già la cute molto sensibile.

Problemi alla pelle dovuti all’utilizzo prolungato di mascherine e guanti

I principali problemi alla pelle causati da un uso prolungato di mascherine e guanti riguardano:

  • acne sul viso;

  • cheilite, un’infiammazione delle labbra che può manifestarsi con secchezza, arrossamento, desquamazione.

  • dermatiti seborroiche, irritative e allergiche da contatto;

  • arrossamenti, irritazioni, piccole piaghe sulla cute delle mani.

Come limitare le irritazioni

Per quanto riguarda le mascherine, è certamente è importante, soprattutto per chi deve indossarle tutto il giorno, avvalersi delle chirurgiche o delle FFP1, 2 o 3, perché prodotte con materiale anallergico. Occorre prestare attenzione anche all’uso di disinfettanti spray utilizzati da molti per pulire la mascherina: si tratta solitamente di soluzioni idroalcoliche con una percentuale di alcool non inferiore al 70%, che, se inalate eccessivamente e in modo continuativo, possono provocare tosse e bruciore agli occhi.

Per cercare di limitare al massimo irritazioni o lesioni alle mani e al viso, è importante adottare semplici accorgimenti atti a ristabilire l’equilibrio della nostra pelle. Innanzitutto, molti esperti suggeriscono di avvalersi di una crema barriera da applicare prima di indossare i Dpi, in particolare dietro le orecchie e nei punti ritenuti più delicati. Inoltre, è importante utilizzare saponi a ph neutro e prima di andare a dormire applicare delle emulsioni nutrienti che aiutano ad alleviare eventuali screpolature. 

Almeno due volte al giorno è consigliato lavare il viso con un detergente specifico, in modo da eliminare impurità e sebo, ed idratare poi la pelle con una crema lenitiva. Un’emulsione arricchita di estratti vegetali, ad esempio, può essere un valido aiuto in caso di arrossamenti e prurito, favorendo il ripristino della barriera cutanea e normalizzando le difese naturali della pelle.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come limitare le irritazioni alla pelle dovute all’utilizzo prolungato di mascherine e guanti

TriestePrima è in caricamento