Malva: proprietà, usi e benefici

Molto utilizzata e apprezzata sin dall’antichità per le sue particolari proprietà antiinfiammatorie, la malva è una pianta officinale che apporta numerosi benefici al nostro organismo. Scopriamoli

La malva (Malva sylvestris) è una pianta appartenente alla famiglia delle Malvaceae, una pianta erbacea dai fiori rosa con sfumature lilla originaria dell'Europa e dell'Asia. Molto utilizzata e apprezzata sin dall’antichità per le sue particolari proprietà antiinfiammatorie, scopriamo i numerosi benefici che apporta al nostro organismo e i diversi modi di utilizzo.

Proprietà e benefici

La malva viene utilizzata come pianta officinale ed ha diverse proprietà utili al nostro benessere, tra le principali ricordiamo:

  • emolliente: la malva ha straordinarie capacità di ammorbidire la pelle.

  • Sedativa: l’infuso di malva è consigliato per la tosse, specie quella grassa, per i problemi di gola irritata, le infiammazioni del cavo orale e contro il raffreddore, ma anche per calmare l’ansia.

  • Disinfettante: la malva può esser usata per disinfettare le mucose.

  • Depurante: questa pianta stimola la regolarità intestinale ed aiuta il colon a depurare l’organismo.

  • Antinfiammatoria: è consigliata soprattutto a chi soffre di dolori osteoarticolari, ma anche per curare le infiammazioni urinarie e respiratorie.

  • Gastroprotettiva: le sostanze contenute nella malva si rilevano utili per placare gastrite e bruciori di stomaco.

  • Cicatrizzante: grazie alle mucillagini, questa pianta officinale ha un effetto cicatrizzante, quindi può aiutare ad accelerare la guarigione delle ferite.

  • Lenitiva: i rimedi naturali a base di malva sono ideali per curare gli arrossamenti della pelle, le punture d’insetto e le irritazioni.

Usi

Dalle tisane agli infusi fino ai svariati usi in cucina, la malva viene utilizzata soprattutto per sedare la tosse e combattere l’infiammazione bronchiale. Le sue azioni emollienti, espettoranti e antinfiammatorie, infatti, sono utili nel trattamento del catarro associato alle varie patologie dell’apparato respiratorio. Viene utilizzata anche come antinfiammatorio e lenitivo delle mucose irritate, ad esempio nel caso di gengive particolarmente infiammate. Inoltre, è possibile anche preparare un decotto che può essere utilizzato per fare degli impacchi agli occhi affetti da congiuntivite. Attenzione però: gli abusi sono da evitare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nella notte in via Giulia, morto scooterista di 50 anni

  • Covid 19: la Slovenia "declassa" l'Italia a zona arancione

  • Scomparsa nel 2019, il suo cadavere a Miramare sette mesi dopo: la vittima si chiamava Karin Furlan

  • Incidente in galleria Carso: quattro auto coinvolte e strada chiusa

  • Schianto tra i Carabinieri e un'auto: militare a Cattinara

  • Si accascia al suolo in via delle Torri: cinquantenne a Cattinara

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento