Combatti l'acne e migliora la tua pelle con i trattamenti al CBD

L'acne è un inestetismo difficile da eliminare, se avete provato di tutto senza mai raggiungere risultati soddisfacenti vi sveliamo un piccolo segreto: i prodotti a base di CBD sono infallibili nel combattere la pelle grassa, l'acne e non solo

Quando non sai come combattere le manifestazioni di acne sul viso o quando l’acne non accenna a scomparire, nonostante numerosi metodi, prodotti e tentativi che si sono rivelati inefficaci, allora forse è meglio ricorrere a qualcosa di diverso. Il nostro corpo è una macchina perfetta e quando si presentano fenomeni infiammatori, quale l’acne per esempio, è importante agire in maniera adeguata e tempestiva. La scelta migliore, inoltre, in molti casi è quella di raggiungere il problema alla radice, invece di soffermarsi sulle sue conseguenze e sintomi.

Nel caso dell’acne, per provare a eliminarla a fondo e in maniera duratura, si può agire cercando di stroncarla sul nascere. Continua a leggere per scoprire in che modo i prodotti a base di CBD possono aiutare la tua pelle a migliorare, restituendo al viso luminosità, compattezza, elasticità e un aspetto omogeneo. Nei paragrafi che seguono puoi trovare alcune indicazioni sui trattamenti al CBD, grazie all’uso di prodotti provenienti da aziende affidabili (come ad esempio Canzon), che immettono sul mercato creme e altri preparati di qualità per la cura della pelle. Va comunque sempre tenuto conto che per qualsiasi problematica che riguardi il nostro organismo, è opportuno rivolgersi al parere del proprio medico di fiducia, che saprà fornire consulenza e informazioni utili.

L'acne e il CBD: che cos'è esattamente il cannabidiolo

Prima di arrivare al nocciolo riguardo ai trattamenti per la pelle al CBD, è importante capire cosa sia il CBD, da cosa derivi e quali sono le sue caratteristiche principali. Il CBD, nome abbreviato del cannabidiolo, è una sostanza che si estrae dalla pianta di cannabis, attraverso un processo di separazione rispetto alle altre sostanze contenute nella pianta stessa. Il CBD è, quindi, una sostanza vegetale, organica e naturale che non ha effetti psicotropi (a differenza di altre contenute nella pianta e che causano effetti collaterali, se a contatto con il nostro organismo). Il principio attivo del CBD sembra proprio poter dare molti benefici, grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, oltre al fatto che pare sia in grado di supportare molti disagi a cui l’organismo va in contro, come ad esempio:

  • dolori cronici;

  • infiammazioni;

  • problemi di insonnia;

  • stati di ansia o di stress;

  • problemi di memoria;

  • disturbidell’attenzione ecc.

Sembrerebbe proprio che il CBD possa apportare diversi benefici, grazie al fatto che entra in relazione con il sistema endocannabinoide presente nel corpo umano. Il sistema endocannabinoide è uno dei più importanti in quanto responsabile del mantenimento dell’equilibrio tra corpo e mente. Esso è formato dai recettori CB1 e CB2 che sono dislocati nel corpo umano, nell'ipotalamo, nell’amigdala, nel sistema immunitario e nel sistema nervoso periferico. Come il CBD che si trova in natura, anche il sistema endocannabinoide contiene cannabinoidi, i quali possono essere considerati dei messaggeri dell’organismo.

L’azione dei recettori dei cannabinoidi CB1 e CB2 è fondamentale in quanto aiutano a regolare il senso dell’appetito, a condizionare i processi emotivi e mnemonici, a potenziare il sistema immunitario, eccetera. Il CBD è in grado di potenziare l’azione dei recettori e di prolungare la durata degli effetti dei recettori stessi sul nostro organismo. Ecco perché il CBD potrebbe rappresentare un elemento fondamentale nell’apporto di una serie di benefici che possono migliorare diverse condizioni o disfunzioni e potrebbe essere davvero efficace nel trattamento di un disturbo della pelle quale è l’acne.

L'acne e le sue caratteristiche: come migliorare la pelle con il CBD

L’acne, come accennato, è una infiammazione che insorge a livello dei follicoli piliferi e che si manifesta con sintomi specifici come quello di ostruire i pori della pelle tramite una produzione di sebo eccessiva e la formazione dei cosiddetti punti neri. L’infiammazione fa si che parte delle ghiandole sebacee non lavorino come dovrebbero e le cause possono essere differenti, da fattori genetici a fattori ambientali, alimentari, ecc. Per migliorare la pelle non è sufficiente utilizzare un prodotto che protegge la pelle, in quanto molti contengono sostanze chimiche che talvolta finiscono per aggravare la situazione, non permettendo ai pori di respirare e alle ghiandole sebacee di riprendere a funzionare in maniera corretta. Per questo motivo il CBD può essere un supporto valido, al fine di riportare equilibrio a livello ormonale e consentire alle ghiandole di lavorare in maniera corretta.

Un prodotto che aiuti a migliorare la pelle non deve essere troppo aggressivo, ma rispettare il PH naturale della pelle. In tal senso i prodotti a base di CBD, sono totalmente naturali e per tale motivo la loro azione sulla pelle non risulta invasiva. Non è un caso che si possano trovare prodotti disponibili a base di CBD utili per altri problemi della pelle come la psoriasi per esempio.

In particolare, i prodotti a base di CBD che possono essere d’aiuto per migliorare la pelle con acne, agiscono grazie alla tecnologia liposomiale, la quale favorisce l’assorbimento del CBD tramite l’azione dei liposomi. Inoltre la presenza di avena colloidale di alcuni prodotti, permette di proteggere la pelle, creando una sorta di strato che fa da barriera contro gli agenti esterni.

Se da un lato alcuni metodi naturali risultano troppo blandi (come ad esempio le maschere per il viso “fai da te”), altri prodotti chimici risultano al contrario eccessivamente aggressivi. In tal caso la risposta potrebbe proprio essere il ricorrere a prodotti a base di CBD che, avendo una matrice naturale al 100%, sembra proprio abbiano dimostrato la loro efficacia nel trattamento dei problemi della pelle come l’acne, la psoriasi, i primi segni di invecchiamento, ecc. Il CBD, fra l’altro, ha una azione antiossidante, che aiuta a rallentare il processo di invecchiamento delle cellule, contribuendo a mantenere la pelle giovane ed elastica.

Prima di provare un prodotto a base di CBD per la cura della pelle, non bisogna dimenticare di rivolgersi ad aziende competenti, che investono anni in ricerca e dedicano importanti risorse al fine di garantire prodotti sicuri e di qualità. Selezionare le aziende migliori non sarà difficile, perché puoi basare la tua scelta sulle garanzie che sono in grado di fornirti, a cominciare dall’assistenza clienti per dubbi, domande e informazioni relative ai prodotti.

CBD e pelle con acne: un binomio possibile?

Giunto fino a qui, sarai in grado di trovare tu stesso la risposta, che è affermativa naturalmente. Il CBD può essere un aiuto concreto ed efficace nel miglioramento dei problemi di pelle con acne e nello stabilire l’equilibrio a livello delle ghiandole sebacee. I prodotti a base di CBD sono naturali, in quanto derivati dall’estratto di una pianta, la cannabis terapeutica, e lavorati secondo processi che non fanno uso di sostanze chimiche. Per tale ragione non rappresentano un rischio per la tua pelle, anche grazie al fatto che durante il processo di estrazione il CBD viene separato dal THC (quest’ultimo è una sostanza che provoca effetti psicotropi).

In linea generale è comunque una buona abitudine quella di seguire un regime alimentare equilibrato, con il giusto apporto di proteine, grassi e carboidrati; di bere almeno due litri di acqua al giorno e infine di svolgere regolarmente attività fisica. Seguendo questi piccoli consigli potrai mantenere il tuo organismo in un buono stato e potenziare i benefici dei prodotti a base di CBD per il miglioramento della tua pelle nel contrastare l’antiestetico fenomeno dell’acne.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Sfonda la porta di casa del cugino ai domiciliari e l'accoltella: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento