Tiroidite: tipologie, cause e sintomi

La tiroide è una ghiandola molto importante del nostro corpo: serve alla regolazione di moltissimi processi indispensabili alla salute del nostro organismo. La tiroidite, a sua volta, è un'infiammazione di questa ghiandola. Ecco cause e sintomi

La tiroide è una ghiandola molto importante del nostro corpo: serve alla regolazione di moltissimi processi indispensabili alla salute del nostro organismo. Si trova esattamente nella parte anteriore del collo. Da un punto di vista fisiologico, la tiroide presenta due unità endocrine:

  • la prima ha organizzazione follicolare ed è costituita dai tireociti T o cellule follicolari che producono e immagazzinano gli ormoni tiroidei (T3 e T4);

  • la seconda ha organizzazione cordonale ed è costituita dai tireociti C o cellule parafollicolari, che producono e immagazzinano la calcitonina.

La ghiandola tiroide secerne gli ormoni tiroidei, che influenzano principalmente il metabolismo e la sintesi proteica. Essi hanno anche molti altri effetti, compresi quelli relativi allo sviluppo. Gli ormoni tiroidei triiodotironina (T3) e tiroxina (T4) vengono creati dallo iodio e dalla tirosina. La tiroide produce anche la calcitonina ormonale, che svolge un ruolo nell'omeostasi del calcio. La secrezione ormonale dalla tiroide è regolata dall'ormone tireostimolante (TSH) secreto dalla ghiandola pituitaria anteriore, che a sua volta è regolata dall'ormone di rilascio della tireotropina (TRH) prodotto dall'ipotalamo.

Tiroidite

La tiroidite, a sua volta, è un'infiammazione della tiroide. Esistono diverse forme di infiammazione, tra cui:

  • tiroidite acuta (purulenta): virale o post-virale;

  • tiroidite sub-acuta, detta anche tiroidite di De Quervain: in genere causata da batteri;

  • tiroidite lignea, detta anche tiroidite di Riedel: molto rara;

  • tiroidite cronica linfatica, detta anche Tiroidite di Hashimoto: forma più frequente, ha carattere autoimmunitario e molto spesso è completamente asintomatica, può essere associata ad altre patologie autoimmuni.

Sintomi

La tiroidite, dunque, si manifesta in differenti modi e anche i sintomi che provoca sono vari. In alcune, come quelle autoimmuni, non si avverte alcun disturbo né dolore, solitamente ci si accorge di averla solo quando si manifesteranno anomalie corporee legate ad alterazioni degli ormoni T3 e T4 che determinano:

  • oscillazione del peso corporeo;

  • modificazione del battito cardiaco;

  • sensazioni di freddo e caldo in contrasto con la temperatura esterna.

Parallelamente a questo, gli altri tipi di tiroidite potrebbero dare:

  • ingrossamento della ghiandola con la formazione di un gozzo che, oltre che sporgere all'esterno potrebbe dare la compressione degli organi vicini, come l'esofago e la trachea;

  • febbre molto bassa;

  • stanchezza cronica;

  • pallore e pelle secca;

  • accumulo di liquidi;

  • amenorrea, cioè blocco del ciclo mestruale nelle donne.

Cause

Anche le cause della tiroidite sono varie:

  • L'infiammazione della tiroide spesso è causata da microrganismi che attaccano laringe o faringe, infatti tale infiammazione se non curata bene può spostarsi anche agli organi vicini come la tiroide;

  • nella forma autoimmune in cui la flogosi è costante, può avvenire un'anomalia delle cellule che riconoscono come estranee le strutture della tiroide e le attaccano per eliminarle. Queste "molecole impazzite" prendono il nome di anticorpi anti-tiroide;

  • utilizzo di farmaci o impiego di radioterapia;

  • gravidanza, in questo periodo la concentrazione di neurotrasmettitori potrebbe alterarsi creando forme di depressione che a loro volta influiscono sulla stimolazione degli anticorpi, dando una forma di tiroidite che è simile a quella autoimmune.

Diagnosi

Per fare una diagnosi certa di tiroidite il medico prescriverà alcuni esami per valutare la concentrazione di T3, T4 e TSH nel sangue ma anche per vedere l'organo più da vicino. In primis si procederà con un esame del sangue per valutare la concentrazione degli ormoni ma anche degli anticorpi anti-tiroide e capire l'origine della patologia. Altri esami strumentali che, invece, mostrano la struttura della tiroide sono:

  • ecografia: il medico usa un manipolo sul collo per vedere l'organo dall'interno; è un esame che non dà alcun fastidio. Nei risultati sarà possibile vedere se nella tiroide ci sono dei noduli o delle cisti, cioè masse di tessuto compatte;

  • scintigrafia: è un esame che prevede l'assunzione di un mezzo di contrasto a base di iodio radioattivo, questa sostanza si concentra nella tiroide e permette di vederla chiaramente, rilevandone la forma e la grandezza.

Infine la cura, che sarà legata alla tipologia di causa che ha scatenato il problema.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Il virus in Croazia preoccupa Lubiana, al vaglio l'ipotesi di toglierla dalla lista dei paesi sicuri

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

Torna su
TriestePrima è in caricamento