rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
Salute bambini

Un approccio assistenziale personalizzato: cos'è il metodo Nidcap

Un approccio assistenziale personalizzato per migliorare l’esperienza dei neonati ricoverati in terapia intensiva neonatale, perché i genitori sono le persone che maggiormente influenzano lo sviluppo ed il benessere dei loro piccoli

È una mattina di metà marzo e Viola, nata prematura dopo soli sei mesi e mezzo di gravidanza, si accinge finalmente a fare il primo bagnetto. Mamma e papà sono pronti, accompagnati e guidati da Marco, il loro infermiere. Accanto a loro c’è Sara, una professionista Nidcap.

La Nidcap (Newborn Individualized Developmental Care and Assessment Program) è un approccio di cura globale, sviluppato da Heidelise Als e colleghi, nell’ambito della NFI (Nidcap Federation International) che, attraverso l'osservazione dettagliata e strutturata del comportamento dei neonati, aiuta a capire in quale fase di sviluppo essi si trovino, di cosa abbiano bisogno e come si possa fornire loro, in collaborazione con i genitori, cure personalizzate e non stressanti. Questo perché i bambini nati prematuramente, come Viola, hanno un cervello ancora immaturo per potere affrontare tutte le stimolazioni della vita fuori dall’utero e della terapia intensiva neonatale.

Viola, intanto, che pesa appena un chilo e mezzo, è nel suo lettino ed inizia a svegliarsi; Sara è lì, insieme ai genitori e all’infermiere, e li guida mentre si avvicinano. Viola parla attraverso le sue espressioni ed il suo comportamento; è attraverso questi segnali che indica se è pronta per relazionarsi, fare il bagnetto o se ha bisogno prima di trovare un punto di equilibrio e stabilità. "Ogniqualvolta la incontriamo ed applichiamo questo approccio, sosteniamo lo sviluppo del suo cervello che, in questa fase, procede ad una velocità che non si ripeterà mai più nel corso della sua vita" affermano gli esperti.

I centri Nidcap

Il 20 Marzo si è celebrata la Giornata Mondiale Nidcap. In Italia ci sono, attualmente, due centri di formazione dedicati, l’Italian Modena Nidcap Training Center, diretto dal Prof. Alberto Berardi e il Rimini Nidcap Training Centre diretto dalla Dott.ssa Gina Ancora, condotti dalle due trainer Nidcap Natascia Bertoncelli per Modena e Natascia Simeone per Rimini.

Le basi della Nidcap si stanno diffondendo in tante terapie intensive neonatali italiane e professionisti certificati Nidcap sono presenti, oltre che a Modena e Rimini, anche a Torino, Siena, Firenze, Genova e Roma. L’approccio Nidcap, facilitando l’integrazione multidisciplinare, accompagna la famiglia dal pre-ricovero fino al post-dimissione (casa e territorio), per pianificare interventi e strategie assistenziali nelle quali il genitore sia protagonista e artefice. La professoressa Als sostiene a riguardo: "Siamo tutti connessi: ci sosteniamo reciprocamente, impariamo l’uno dall’altro e ci arricchiamo a vicenda”.

Maggiore sensibilizzazione

La Giornata Mondiale Nidcap è una grande occasione per diffondere questa modalità assistenziale per i neonati ricoverati nelle nostre terapie intensive neonatali e per far comprendere a tutti l’importanza di estendere a quanti più ospedali possibili il metodo Nidcap”, afferma il Presidente della Società Italiana di Neonatologia (Sin) Luigi Orfeo. “Da anni, insieme a Vivere Onlus Coordinamento Nazionale delle associazioni per la neonatologia, portiamo avanti campagne di sensibilizzazione tese a garantire ai neonati prematuri le migliori cure possibili che, come scientificamente dimostrato, non possono non coinvolgere i genitori, principali attori per lo sviluppo neurosensoriale dei bambini e per le quali è indispensabile garantire l’apertura h24 delle terapie intensive neonatali”.

I benefici

Gli standard assistenziali europei per la salute del neonato raccomandano l’approccio Nidcap all’interno dello standard "Cure per lo sviluppo centrate sul bambino e sulla famiglia”, che si basa su tre principi fondamentali: le cure “sensibili”, modulate sul comportamento del neonato e sui segnali che egli invia, che danno quindi “voce” al bambino, hanno un effetto benefico sullo sviluppo cerebrale; il coinvolgimento dei genitori è di supporto al loro benessere e allo sviluppo dei bambini; sono necessari adattamenti dell'ambiente delle terapie intensive neonatali e del sistema ospedaliero per applicare queste cure. Gli standard guidano i professionisti nell’integrazione della famiglia in tutte le fasi della cura, dal bonding precoce, alla condivisione del processo decisionale, fino al coinvolgimento dei genitori come principali caregivers, sostenendo l’apertura dei reparti h24.

La Task Force Sin per la promozione degli standard assistenziali europei per la salute del neonato sostiene con forza la voce di tutti i bambini, di tutte le bambine e dei loro genitori, promuovendo la Giornata Mondiale Nidcap e incoraggiando tutti i professionisti che lavorano in ambito neonatale a rimanere in ascolto delle famiglie e a rispondere ai loro bisogni attraverso un’adeguata preparazione.

Riportiamo la dichiarazione dello standard assistenziale dal titolo “Formazione e addestramento sulle cure per lo sviluppo centrate sul bambino e sulla famiglia”: le competenze nelle cure per lo sviluppo centrate sul bambino e sulla famiglia vengono garantite fornendo un percorso di formazione ufficiale, con retraining periodico, per le leadership di ospedali e di unità operative, per i professionisti sanitari e per il personale che lavora o visita l’unità operativa di neonatologia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un approccio assistenziale personalizzato: cos'è il metodo Nidcap

TriestePrima è in caricamento