Sintomi gravidanza, come riconoscere i primi segnali

È possibile riconoscerne i sintomi di una gravidanza sin dai primi giorni dopo il concepimento? Non è sempre facile individuare precocemente i primi segni perché variano molto da donna a donna. Esistono, però, segnali molto comuni che si possono riscontrare nelle prime settimane

Molte donne in cerca di una gravidanza e non si chiedono se sia possibile riconoscerne i sintomi sin dai primi giorni dopo il concepimento. Non è sempre facile individuare precocemente i primi segni di una gravidanza, sia perché possono essere molto diversi da donna a donna per tipologia ed intensità, sia perché sono sintomi molto simili a quelli della sindrome premestruale. È comunque possibile individuare diversi segnali molto comuni che si possono riscontrare nelle prime settimane dopo il concepimento. Quindi, se hai avuto rapporti recenti e sei in un periodo fertile, tieni d’occhio questi sintomi, potresti essere incinta.

I sintomi delle prime settimane di gravidanza

La prima settimana di gravidanza può passare sotto silenzio oppure manifestarsi in qualche modo. Esistono alcuni sintomi che possono presentarsi sin dai primi giorni dopo il concepimento, anche se la maggior parte delle donne inizia ad accorgersi di qualche cambiamento più avanti. Nella prima settimana, infatti, i segnali del concepimento possono essere molto lievi e impercettibili, ma potrebbero diventare più evidenti nei giorni successivi a causa dell’innalzamento degli ormoni, l’ormone della gravidanza, il beta-HCG, aumenta infatti molto velocemente proprio nei primi giorni. I primi sintomi di una gravidanza, più comuni e frequenti, sono:

  • macchie di sangue - possono verificarsi dai 6 ai 12 giorni dopo la fecondazione e sono dovuti all'annidamento dell'ovulo fecondato nella parete uterina;

  • crampi;

  • tensione e gonfiore del seno;

  • sensibilità e/o fastidio ad alcuni tipi di odori;

  • sbalzi di umore, irritabilità e forte emotività;

  • fame o appetito incostante;

  • stanchezza;

  • nausea e/o acidità di stomaco;

  • mal di schiena e/o mal di testa.

I sintomi dei primi 3 mesi

Oltre all’assenza di mestruazioni, che è il primo e più concreto sintomo di una gravidanza, ci sono sintomi che si manifestano a partire del primo mese, e che di solito si protraggono per i primi tre mesi:

  • dolore al seno;

  • nausea e vomito;

  • stanchezza, fatica e sonnolenza;

  • minzione frequente (sentire il bisogno di fare pipì molto frequentemente).

Come essere sicura di essere incinta?

Se stai sperimentando uno o più di questi sintomi è possibile che tu sia incinta, ma per esserne sicura al 100% è importante fare un test di gravidanza (come questo della Clearblue) reperibile in qualsiasi farmacia. Il test di gravidanza urinario è quello più economico e diffuso, ed è affidabile dal primo giorno di ritardo del ciclo. Esistono anche dei test urinari precoci, che possono essere effettuati alcuni giorni prima della data presunta delle mestruazioni (come questo di One Step, che può essere utilizzato fino a 5 giorni prima dell’inizio del ciclo). Inoltre, è stato da poco lanciato sul mercato europeo e italiano, un test di autodiagnosi per la rilevazione precoce dell’ormone della gravidanza nel sangue; questo test, attraverso la puntura del polpastrello con un ago integrato nello stick, riesce a rilevare precocemente la presenza di Beta hCG nel sangue permettendo, al contempo, una stima della data del concepimento. Si chiama First To Know e può essere acquistato in farmacia senza prescrizione medica.

Farmacie a Trieste

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Minorenne picchiato da un 'ambulante': il racconto della vittima

Torna su
TriestePrima è in caricamento