Vitiligine: di cosa si tratta, cause e sintomi

La vitiligine è una malattia della pelle caratterizzata da ipomelanosi o leucodermia, cioè dalla comparsa sulla cute di chiazze non pigmentate, cioè zone dove manca del tutto la fisiologica colorazione dovuta alla melanina. Scopriamone sintomi e cause

La vitiligine è una malattia cronica della pelle caratterizzata da ipomelanosi o leucodermia, cioè dalla comparsa sulla cute, sui peli o sulle mucose, di chiazze non pigmentate, cioè zone dove manca del tutto la fisiologica colorazione dovuta alla melanina. Queste zone, quindi, appaiono bianche o traslucide.

Cos'è la vitiligine

All’esordio, le chiazze depigmentate sono in genere poco numerose e localizzate simmetricamente nelle zone scoperte, soprattutto viso ed estremità. Con il passare del tempo, la tendenza comune è verso la progressione (74% dei casi), sebbene le diverse forme cliniche possano avere un decorso differente. La vitiligine può colpire tutte le regioni cutanee prediligendo però alcune aree: il viso, il collo, le ascelle, i gomiti, le mani, le ginocchia, l'inguine e i piedi. Le chiazze sono generalmente diffuse su tutto il corpo spesso in modo simmetrico. Gli esordi della vitiligine interessano solitamente le zone del corpo intorno ad aperture e alle unghie.

Le macchie

Le macchie hanno una colorazione decisamente più chiara della pelle circostante, con margini ben delineati e piuttosto scuri. La pelle delle zone colpite, a parte la modificazione cromatica, è assolutamente normale. Nelle zone ricoperte da peli, potrebbe notarsi anche lo sbiancamento e la parziale caduta o il diradamento di questi ultimi. Queste zone bianche sono molto delicate e facilmente soggette a eritemi solari e scottature da esposizione. Di conseguenza, viene consigliata la protezione solare mediante indumenti coprenti e/o creme a protezione alta o molto alta, se si trascorre molto tempo al sole.

Cause

È certo che la causa della comparsa delle macchie è la perdita/mancanza della melanina, ma le ipotesi sull'origine di questa perdita sono molte. Alcuni ricercatori ipotizzano che sia una malattia di origine autoimmune, in cui il sistema immunitario attaccherebbe i melanociti. Nel 30% dei casi, poi, è riscontrabile una familiarità, cioè la stessa malattia è presente tra più membri della stessa famiglia, di conseguenza altri esperti la considerano una patologia su base genetica. Inoltre, all’origine, secondo alcuni, potrebbe esserci anche:

  • un fenomeno di stress ossidativo dovuto a un eccesso di perossido di idrogeno;

  • un funzionamento anomalo del sistema nervoso;

  • la produzione di molecole tossiche da parte degli stessi melanociti;

  • eventi traumatici;

  • agenti esterni tossici (come i fenoli);

  • gravi scottature;

  • disturbi alimentari e digestivi.

Sintomi

Il sintomo principale è la comparsa di chiazze depigmentate, dette macule, che con il tempo possono crescere ed estendersi ad altre parti del corpo. A volte compare anche prurito. Il peggioramento può essere più o meno rapido e a volte la situazione rimane stabile per anni. In genere i sintomi peggiorano in primavera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intimano l'alt e gli puntano il fucile contro: la gita in bosco si trasforma in un incubo

  • Non solo transfrontalieri: chi può entrare in Slovenia dal 26 maggio

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • Un aiuto per pagare l'affitto: al via il bando del Comune

  • Sparatoria a Nova Gorica, coinvolte più persone

  • Fucile contro un giovane italiano, Serracchiani a Di Maio: "Chiarisca l'episodio con Lubiana"

Torna su
TriestePrima è in caricamento