Venerdì, 30 Luglio 2021
Giardino

Sistemi di filtraggio per piscine: tipologie e costi

Fortunatamente oggi la pulizia di una piscina è molto più semplice rispetto al passato, grazie all’impiego di nuovi dispositivi tecnologici specifici o alle caratteristiche strutturali proprie della piscina stessa: scopriamone di più

In estate, quando fa particolarmente caldo e siamo costretti a rimanere a casa, la cosa che desideriamo di più è concederci un bel tutto in acqua. Se si ha disposizione un giardino o un terrazzo, la piscina non può assolutamente mancare.

Grande e spaziosa, per poter divertirsi con tante nuotate, la piscina ha bisogno di manutenzione, soprattutto in estate quando si utilizza più frequentemente. Quando si pianifica la progettazione di una piscina, prima di procedere alla realizzazione, è utile valutare con attenzione anche le esigenze propriamente tecniche correlate alla manutenzione e pulizia.

Fortunatamente oggi la pulizia di una piscina è molto più semplice rispetto al passato, grazie all’impiego di nuovi dispositivi tecnologici specifici o alle caratteristiche strutturali proprie della piscina stessa.

Sistema di filtraggio piscine

Le piscine sono infatti munite di un apposito sistema di filtraggio che ha il compito di "catturare" le impurità dell’acqua. Ma come funziona questo sistema? L'acqua presente in vasca deve essere incanalata all'interno dei filtri. Questo è possibile grazie ai cosiddetti sistemi di ricircolo, i quali sono parte integrante della piscina.

Le tipologie

Le tipologie di sistema di ricircolo sono fondamentalmente due: skimmer e bordo a sfioro. Lo skimmer è il sistema di ricircolo più diffuso. Esso prevede che, in corrispondenza del bordo della vasca, vi siano delle apposite aperture tramite cui l’acqua della piscina viene recuperata ed indirizzata verso l'impianto di filtraggio per la relativa pulizia.

Il bordo a sfioro, invece, è un sistema di ricircolo di ultima generazione. A differenza di quelle con sistema di ricircolo di tipo skimmer, il bordo è totalmente impercettibile a livello visivo e la quantità di acqua contenuta in vasca è leggermente superiore al volume effettivo. Le quantità di acqua eccedenti vengono raccolte esternamente alla vasca da apposite griglie, le quali la indirizzano verso il filtro per i processi di pulizia.

Infine, per quanto riguarda i costi, una piscina con bordo a sfioro è generalmente più costosa rispetto a quella con sistema di ricircolo di tipo skimmer.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sistemi di filtraggio per piscine: tipologie e costi

TriestePrima è in caricamento