Lunedì, 20 Settembre 2021
Ristrutturare

Bonus idrico 2021: nuovi incentivi per rinnovare le rubinetterie e sostituire i vecchi sanitari

Il bonus idrico 2021 è un’agevolazione voluta dal Ministero dell’Ambiente per favorire il risparmio di risorse idriche, grazie alla quale si potranno installare nuovi soffioni o colonne doccia, rinnovare le rubinetterie, sostituire i vecchi sanitari con vasi a scarico ridotto

Arriva una nuova misura economica varata dal Governo nella Legge di Bilancio: il bonus idrico 2021, ovvero un’agevolazione voluta dal Ministero dell’Ambiente per favorire il risparmio di risorse idriche. Le risorse stanziate per questo bonus sono pari a 20 milioni di euro.

Come funziona

Con uno sconto sulle spese sostenute si potrà favorire il rinnovamento del sistema idraulico scegliendo sanitari e rubinetterie che sprechino meno acqua possibile. Chi vorrà usufruire del bonus idrico potrà recuperare ciò che ha speso per un massimo di 1.000 euro di spese sostenute dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2021.

Come fare domanda

Per fare domanda occorre essere maggiorenni e residenti in Italia, inoltre bisogna essere titolari di un edificio esistente o di singole unità immobiliari. La richiesta del bonus idrico va presentata online sul portale dell’Agenzia delle Entrate. Si dovrà poi controllare, tramite Spid o Carta d’Identità Elettronica, l’identità dei singoli utenti. Una volta effettuata la registrazione, bisognerà fornire le dichiarazioni necessarie ed allegare al modulo una copia della fattura. Ricordiamo che non è necessario l'Isee. Il bonus idrico si può richiedere entro il 31 dicembre 2021, salvo proroghe, e si può richiedere per le seguenti spese:

  • fornitura e posa in opera di vasi sanitari in ceramica con volume massimo di scarico uguale o inferiore a 6 litri e relativi sistemi di scarico, comprese le opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti;
  • fornitura e installazione di rubinetti e miscelatori per bagno e cucina, compresi i dispositivi per il controllo di flusso di acqua con portata uguale o inferiore a 6 litri al minuto, e di soffioni doccia e colonne doccia con valori di portata di acqua uguale o inferiore a 9 litri al minuto, compresi le eventuali opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti.

Chi ha fatto richiesta potrà ricevere il rimborso delle spese, che verrà versato direttamente sull'Iban.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus idrico 2021: nuovi incentivi per rinnovare le rubinetterie e sostituire i vecchi sanitari

TriestePrima è in caricamento