Liberarsi da un nido di vespe, ecco come fare a Trieste

L'inverno inizia ad affievolirsi, l'estate non sembra poi così lontana. I fiori sbocciano, le giornate si allungano e gli animali si svegliano dal loro "letargo". Aprile e maggio sono i mesi di transizione per eccellenza

Con l'arrivo dell'estate, anche le vespe tornano ad essere un problema per i tanti triestini che si ritrovano a doverle combattere cacciandole da casa. Durante la stagione del freddo, infatti, questi animali della famiglia delle "vespidae" creano il loro nido e depongono le uova. Tutto ciò può avvenire, anche, dentro le mura domestiche creando dei problemi. 

Le operaie, le regine e i maschi senza pungiglione 

Le vespe sono insetti di piccola dimensione, hanno il corpo nero a strisce gialle e spesso vivono in società. Le api, infatti, non vivono mai da sole. Una colonia è, così, composta da femmine sterili operaie, una o più femmine fertili chiamate "regine" e infine i maschi, presenti soltanto durante il periodo della riproduzione che coincide con la primavera. Solamente gli esemplari maschi sono privi di pungiglione, per tale ragione, per la salute dell'uomo, quelle più pericolose sono le femmine.

Un pericolo per l'uomo

I luoghi preferiti da questi insetti laboriosi sono le zone agricole, dove possono andare alla ricerca della loro amata polpa di frutta, facendo, così,  infuriare gli agricoltori che percepiscono un pericolo il loro raccolto. Questi piccoli volatili non attaccano naturalmente l'uomo, lo pungono, esclusivamente, quando si sentono minacciati. Nonostante questo, possono rappresentare una minaccia concreta, in quanto la puntura di una vespa fa entrare in circolo una piccola dose di veleno che in caso di allergia può provocare una pericolosa reazione anafilattica. Per questo motivo, è bene tenerle lontane dalla propria casa o dal proprio terreno agricolo.

Come rimuovere un alveare

Quando ci troviamo di fronte ad un alveare di vespe non possiamo risolvere il problema da soli. Queste, infatti, potrebbero sentirsi minacciate e attaccare provocando uno shock anafilattico e, in alcuni e rari casi, persino la morte. Per questo è bene ricorrere a tecnici specializzati. Chi preferisse il fai da te deve tenere in considerazione qualche piccolo accorgimento, come operare di notte, usare i guanti e curare con degli insetticida la zona dove le vespe hanno nidificato.

Disinfestazione di vespe a Trieste

Ecco, a questo proposito, alcune servizi e ditte specializzate a Trieste a cui potersi rivolgere:

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cinque metodi naturali per un piano cottura brillante

  • Gechi, curiosità e rimedi per allontanarli

  • Disincrostare le teglie da forno, i trucchi per una pulizia veloce e senza fatica

  • Come eliminare i residui di colla e di nastro adesivo dai vetri

  • Sterilizzare i barattoli per le conserve in poche e semplici mosse

  • Dieci usi del limone che ci aiuteranno in casa

Torna su
TriestePrima è in caricamento