Sicurezza in casa, arriva lo spioncino tech

Tra le numerose invenzioni per rendere la nostra casa sempre più moderna e sicura non poteva di certo mancare lo spioncino tech. Esso si differenzia dai modelli classici perché è dotato di una telecamera e uno schermo LCD. Scopriamolo insieme

Tra le numerose invenzioni per rendere la nostra casa sempre più moderna e sicura non poteva di certo mancare lo spioncino. Esso è stato inventato per garantire la sicurezza in casa, utile a controllare chi si sta avvicinando alla porta. Infatti attualmente, in un’abitazione sempre più smart in cui la tecnologia è sempre più utilizzata il classico foro all’altezza degli occhi è diventato poco utile. Per avere un appartamento davvero tecnologico, anche lo spioncino non può essere da meno. Ecco perché è stato sostituito progressivamente dalla versione digitale. Scopriamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è

Lo spioncino tech si differenzia dai modelli classici perché è dotato di una telecamera posizionata sul lato esterno e uno schermo LCD nella parte interna per vedere l’immagine in modo nitido. Il dispositivo è pensato per gli anziani o per le persone con scarsa deambulazione, che spesso non sono in grado di guardare nell’occhiello. Lo spioncino con il display digitale, infatti, permette di vedere all’esterno anche se non ci si può alzare o se non si è sufficientemente alti, come nel caso dei bambini.

Come funziona

Il dispositivo estremamente discreto può essere montato su ogni tipo di porta e dall’esterno ha le stesse fattezze di quello classico. Alimentato con batterie a litio o con la corrente, basta premere un pulsante e in un attimo potremo vedere il volto della persona che si trova dall’altra parte della porta, azionando lo schermo. Oltre a questa funzione basilare, in commercio esistono diversi modelli ognuno con una caratteristica differente a seconda delle necessità, come ad esempio scattare le fotografie, zoommare, avere una visione notturna e sui modelli più evoluti c’è anche la telecamera per girare le riprese video.

Le caratteristiche principali

Per svolgere al meglio le sue funzioni, lo spioncino ha bisogno di uno schermo ad alta risoluzione che solitamente è da 1,3 megapixel associato ad uno schermo LCD da 3,5 pollici. Oltre alla risoluzione bisogna prendere in considerazione il campo visivo. Il migliore è quello dotato di un angolo di visione in grado di vedere se all’esterno ci sono più persone e avere così il massimo della sicurezza. Quello base deve essere almeno di 110-120 gradi.

Come montare lo spioncino digitale

Montare uno spioncino non è complicato e può essere realizzato facilmente anche da chi non è abile con il fai da te. Di solito i modelli digitali hanno le stesse dimensioni di quelli classici, quindi basta smontare quello vecchio e posizionare quello nuovo. I passaggi per montare lo spioncino sono semplici e veloci. Il principale è quello di fissare la telecamera nella parte esterna facendo passare il filo in quella interna prima di fissarla. Ora dovete fissare il supporto del monitor nella parte interna. In questo caso basta un semplice nastro bioadesivo, ma per essere più sicuri potete anche utilizzare delle viti. A questo punto dovete agganciare lo schermo della telecamera al cavetto e fissare il monitor alla porta. Alcuni spioncini hanno anche il collegamento wifi, quindi dopo averlo montato dovete configurarlo con l’apposita app sullo smartphone, per controllarlo anche a distanza. Una volta conclusa questa operazione l’apparecchio è pronto per essere usato come uno dei sistemi di sicurezza per vivere in modo sicuro all’interno della propria abitazione.

Dove acquistarlo a Trieste

Ecco alcuni consigli:

Scopri i migliori spioncini online

  • Spioncino Elettronico

  • Spioncino Digitale

  • Spioncino Elettronico

  • Spioncino digitale con batterie

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quando accendere i termosifoni, tutte le date e gli orari città per città

  • Cimici, i rimedi per allontanarle definitivamente

  • Fonte di calore eco-sostenibile, perché scegliere il camino in bioetanolo

  • Cappa filtrante o cappa aspirante in cucina? Ecco le differenze

  • Installazione infissi, modelli e detrazioni fiscali

  • Guardaroba, i rimedi per eliminare le larve delle tignole

Torna su
TriestePrima è in caricamento