Chiavegatti (Destra Sociale): «Fare fronte comune contro le ingiustizie»

Domani è il 9 Dicembre.... Quando c'era voglia di fare Rivoluzione!

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Ciò accadde quel 9 dicembre, quelle motivazioni di fondo della protesta erano e sono ancor oggi tutte assolutamente condivisibili: 

  • lotta alla rapina fiscale
  • lotta agli sprechi
  • burocrazia
  • inefficenza
  • furto di stato
  • frodi della banche vedi BANCA ETRURIA - MPS
  • schemi di pensiero prefabbricati dai media che forniscono prodotti "intellettuali" nella logica della promozione dei propri interessi , 
  • ecc. ecc. ecc. ecc,

La "ribellione" deve assumere aspetti decisi, visibili e simbolici, come il picchetto davanti alla FERRIERA, come i rallentamenti stradali, gli assembramenti, i volantinaggi e presidi "incazzati" davanti l'Agenzia delle Entrate,  la vergogna totale di Trieste lo "show-room Gucci-Fendi contraffatti" davanti l'Agenzia delle Entrate a Roiano.

Andrebbe benissimo che ci siano i cittadini, ripeto cittadini di ogni "CREDO". 

E' la gente, il Popolo che si ribella nell'eccezione più bella del termine. Ma è ed era una parte, purtroppo. Una parte perchè la gente va convinta, e c'è chi fatica e ha paura ad uscire dalla propria prigione figuriamoci quando è imprigionato da altri, a ribellarsi a questo mal Governo locale cattocomunista buonista immigrazionista.

Quì c'è un evidente deficit di cultura identitaria e la responsabilità tocca a chi avrebbe dovuto fare identità e non l'ha fatto.

Allora rilanciamo con forza quella volontà di ribellione del 9 Dicembre!

Fare fronte comune!

Luca Chiavegatti 

Torna su
TriestePrima è in caricamento