menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

100 Giorni per Costruire il Ponte sul Canale. Ma anche Riqualificazione Ponterosso e Asse via Trento - p.Zza Liberta'

Un vasto e prolungato programma di lavori pubblici – opportunamente scaglionato in fasi successive per limitare i disagi ai cittadini – prenderà avvio questo lunedì (26 marzo) in via Trento, con le opere di risanamento della rete gas, eseguite...

Un vasto e prolungato programma di lavori pubblici - opportunamente scaglionato in fasi successive per limitare i disagi ai cittadini - prenderà avvio questo lunedì (26 marzo) in via Trento, con le opere di risanamento della rete gas, eseguite dall'Acegas-Aps secondo i criteri obbligatori previsti dall'Autorità per il Gas e l'Energia elettrica.

Sarà questo il primo "tassello" di un ben più ampio ventaglio di interventi, messi a punto dal Comune in collaborazione e stretto coordinamento con Acegas, che mira alla riqualificazione urbanistica generale di tutto l'"asse" compreso tra via Ghega e via Genova, comprendendovi quindi anche la piazza del Ponterosso e un suo "ripensamento" e restauro, anche a livello di pavimentazione, il Canale - con l'imminente avvio dei lavori per il nuovo Ponte pedonale -, il largo Panfili con la sua restituzione a un maggior decoro, anche nel senso della valorizzazione della pregevole Chiesa Luterana.

Il tutto in un'ottica di "maggior spazio" alla "pedonalità" e di diminuzione dell'impatto del traffico veicolare.

Per quanto riguarda la prima parte del "programma", cioè l'intervento sui "sottoservizi" di via Trento, è stato subito precisato dall'ing. Toscano di Acegas come, proprio in previsione delle successive opere di riqualificazione "di superficie" della via e di largo Panfili, l'Azienda "approfitterà" dei lavori alla rete gas imposti dall'Autorità per il Gas e l'Energia elettrica per eseguire contestualmente anche la sistemazione delle condotte d'acqua vetuste e la posa di cavidotti elettrici.

Sistemando così, per un tempo che si spera duraturo, l'insieme di tutte le reti sotterranee ed evitando con ciò quelle assurde e antieconomiche ripetute sequenze di buchi alternati ad altri lavori in superficie che talvolta avvenivano in passato per difetto di programmazione. Lo stesso criterio si adotterà subito dopo anche in piazza Ponterosso.
Inoltre, nell'intento di limitare al massimo i disagi alla cittadinanza, i lavori si svolgeranno per fasi, "partendo" dal tratto che dà sulla via Rossini, anche per poter chiudere al più presto il cantiere in quest'area e consentirvi così un più agevole avvio delle operazioni di installazione - come detto ormai imminente - del nuovo Ponte sul Canale.

Pertanto, i lavori Acegas-Aps in via Trento, della durata complessiva prevista di 170 giorni (sei mesi circa), si articoleranno nelle seguenti fasi successive: fase 1 - da via Rossini a via Torrebianca; fase 2 - da via Torrebianca a via Milano; fase 3 - da via Milano a via Galatti (compresi largo Panfili e via Corsi); fase 4 - da via Galatti a via Ghega; fase 5 - via Ghega (solo opere alle reti di energia).

A seguire, ai primi di ottobre, inizieranno invece gli analoghi lavori alle reti sotterranee in piazza Ponterosso che avranno qui una durata prevista di 120 giorni (quattro mesi circa).

In relazione ai completamenti che via via si determineranno per i lavori suddetti, ecco che ne seguiranno gli interventi di riqualificazione "di superficie" previsti dal Comune e in gran parte già finanziati con il Fondo per la mobilità sostenibile del Ministero dell'Ambiente.

Ne deriveranno in particolare:
- il nuovo Ponte pedonale sul Canale di Ponterosso (cofinanziamento Fondo per la mobilità sostenibile del Ministero dell'Ambiente - POD 2008), con inizio lavori entro qualche settimana, appena conclusa - come detto - la prima fase dei lavori Acegas nel primo tratto di via Trento e non appena siglati i contratti con l'impresa aggiudicataria (ciò che dovrebbe avvenire in questi giorni, come ha precisato l'Assessore Dapretto).
La nuova passerella pedonale sul canale sarà costituita da una leggera struttura in acciaio con parapetti in vetro, posta in asse con le vie Cassa di Risparmio e Trento.
La sua esatta "complanarità" con le sponde del Canale la renderà accessibile anche a persone con difficoltà motorie.
Il completamento dei lavori è previsto entro 100 giorni.
- la "riqualificazione" di piazza Ponterosso e via Genova (col Fondo per la mobilità sostenibile del Ministero dell'Ambiente - POD 2009), inizio lavori previsto nel gennaio 2013 e fine nell'ottobre 2013.

Tale intervento intende contribuire a completare il lungo percorso pedonale e ciclabile parallelo alle Rive e si qualifica principalmente per la pedonalizzazione della piazza, mediante l'eliminazione nella porzione più vicina al mare del parcheggio di superficie.

Si propone altresì il recupero - per quanto possibile - della pavimentazione preesistente; i masegni storici verranno in tal senso riutilizzati nella parte antistante la fontana, mentre nuove lastre in arenaria verranno impiegate nella parte opposta, dove un filare di alberi chiuderà l'affaccio su via Roma.

In questa parte è prevista la realizzazione del nuovo mercato.

Sulla via Genova, i marciapiedi verranno allargati e pavimentati con cubetti di arenaria, al fine di ampliare le aree riservate al transito pedonale e di eliminare per quanto possibile la sosta selvaggia sui marciapiedi stessi.

Su tutti gli attraversamenti pedonali verranno realizzate rampe di raccordo alla sede stradale, nonché l'inserzione nella pavimentazione di idonei manufatti tattilo-plantari, a costituire una segnalazione di pericolo per gli ipovedenti.

- la "riqualificazione" di via Trento e largo Panfili (ancora col Fondo per la mobilità sostenibile del Ministero dell'Ambiente - POD 2009), con inizio lavori previsto nel gennaio 2013 e fine nell'ottobre 2013.

Con questo intervento, attraverso la parziale pedonalizzazione di via Trento e largo Panfili e la realizzazione di una pista ciclabile tra le vie Rossini e Ghega, via Trento verrà a costituire il punto di arrivo degli utenti della passerella pedonale sul Canale, in transito verso l'attiguo largo Panfili in direzione di piazza Libertà e della Stazione Centrale.

Con quest'opera si prevede di incrementare lo spazio a disposizione dei pedoni, offrendo un percorso agevole e sicuro a chi raggiungerà la città con i mezzi pubblici extraurbani (treno, autocorriere, traghetto) e a coloro che utilizzeranno il garage a rotazione del Silos per muoversi a piedi nel centro cittadino.

Lungo tale percorso, in prossimità della Chiesa Luterana, largo Panfili si configurerà come una piazza restituita ai pedoni, in cui l'inserimento di alberature consentirà la sosta all'ombra.

L'intervento prevede inoltre la razionalizzazione della sosta veicolare sull'intera area, la revisione delle sezioni stradali, l'ampliamento - ove possibile - dei marciapiedi a vantaggio della mobilità ciclo-pedonale, la realizzazione in corrispondenza degli attraversamenti pedonali di rampe di raccordo alla sede stradale, l'apposizione di idonei manufatti tattilo-plantari, l'installazione di impianti semaforici necessari a garantire condizioni di sicurezza all'utenza ciclo-pedonale in rapporto ai transiti veicolari ivi presenti.

In merito all'intero programma e al suo sviluppo, il neo-assessore ai Lavori Pubblici e Patrimonio Andrea Dapretto ha osservato come l'intervento più rilevante, quello in piazza Ponterosso, sia stato opportunamente "calibrato" in modo da poter partire ad autunno già iniziato, nell'intento di incidere il meno possibile sulla stagione estiva e sulle attività, anche turistiche, a essa collegate.

"In genere - ha affermato - abbiamo cercato di minimizzare per quanto consentito i disagi sia per i cittadini residenti che per i turisti. Ma si può dire che l'obiettivo "alto" di ridare una veste più degna a un'area di pregio architettonico e di forte significato storico com'è quella del Borgo Teresiano, e, con essa, anche di alcuni suoi piccoli, specifici e preziosi angoli, come il largo Panfili e la Chiesa Evangelica, da troppo tempo completamente trascurati, meriti qualche sacrificio".

Dal canto suo l'Assessore al Commercio Elena Pellaschiar ha sottolineato come, per quanto riguarda una più diretta informazione e coinvolgimento degli operatori commerciali presenti in zona, già lunedì mattina si svolgerà in Assessorato (con inizio alle ore 9) un incontro cui interverranno pure i tecnici competenti, per illustrare il programma delle opere con tutti i suoi dettagli e tempistiche previste.

E un successivo incontro più specifico si svolgerà anche per quanto concerne gli sviluppi e le novità del mercato di piazza Ponterosso.

L'Assessore alla Pianificazione Urbana, Mobilità e Traffico Elena Marchigiani ha poi tenuto a precisare come tutti i progetti attualmente al via in questa parte importante della città abbiano già ottenuto l'assenso della Soprintendenza, frutto anche questo di una serie di articolati, proficui e approfonditi contatti.

Nella stessa "direzione" di coinvolgimento e collaborazione con le realtà e le istituzioni cittadine, anche per la nuova "veste" del mercato di piazza Ponterosso sarà indetto un "concorso di idee", in coordinamento e con il supporto della Camera di Commercio.

"L'intento complessivo - ha ribadito la Marchigiani - è quello di dare un nuovo e più attraente volto a questo "luogo" peculiare e storico della nostra città, tramite una serie di interventi precisamente mirati in tal senso. Un'iniziativa che potrà venir successivamente completata anche con riguardo alla via XXX
Ottobre, possibilmente con l'impiego di fondi Pisus nella misura in cui vi si potrà attingere."

Al termine, e a proposito di fondi, l'ingegner Cortese ha precisato come per l'intera operazione di riqualificazione verranno impiegati quasi 5 milioni di Euro, in gran parte coperti - come detto - dal Fondo per la mobilità sostenibile del Ministero dell'Ambiente, più 1,5 milioni per i lavori alle reti Acegas.


Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Ricette tipiche della Carnia: i Cjarsons

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Fvg resta in zona arancione

  • Cronaca

    Covid: i guariti superano i contagi, in calo terapie intensive e isolamenti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento