L’Itis riceve oltre 10mila euro di beneficenza durante l'emergenza Covid

Tra le donazioni anche un termoscanner di ultima generazione per la rilevazione della temperatura corporea. Riccardi: "Necessario riposizionamento delle strutture residenziali. Superare impostazione ospedalocentrica"

Oltre 10mila euro di donazioni sono state elargite all'Itis dalla cittadinanza durante il periodo più intenso dell'emergenza sanitaria: è stato comunicato durante una conferenza stampa nella struttura di via Pascoli. Tra le donazioni anche un termoscanner di ultima generazione per la rilevazione della temperatura corporea. Nell'incontro è stato reso omaggio a tutti coloro che hanno voluto aiutare l'ente sia con elargizioni in denaro che semplicemente cucendo Mascherine. Hanno partecipato il presidente dell'ITIS Aldo Pahor, il Sindaco di Trieste Roberto Dipiazza, del Vicepresidente e Assessore alla salute del Friuli Venezia Giulia Riccardo Riccardi, del Direttore dei servizi socio sanitari di Asugi Maria Chiara Corti e del presidente di Federsanità Anci Fvg Giuseppe Napoli.

Riccardi: "Superare impostazione ospedalocentrica"

Riccardi ha evidenziato la necessità di "riposizionamento delle strutture residenziali. Questa esperienza ha confermato le preoccupazioni in ordine a un servizio che il sistema è riuscito a garantire: una struttura di queste dimensioni è comunque riuscita a fronteggiare una situazione molto difficile. Noi non possiamo archiviare questa esperienza senza far tesoro di tutto il lavoro straordinario che è stato fatto, ora sono necessarie alcune strutture in grado di innovare il sistema". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come sottolineato dalla Regione, l'Amministrazione intende "superare l'attuale impostazione ospedalocentrica delle cronicità ed elabori un modello di assistenza integrata con il territorio che non escluda gli ambiti della prevenzione, del volontariato e dell'impresa sociale. L'esperienza dell'Itis di Trieste in questo contesto, anche per l'esperienza maturata durante la diffusione del contagio, può contribuire a ridisegnare il futuro assetto del sistema chiamato a rispondere ai bisogni e alle necessità di una regione tra le più anziane d'Europa e di una comunità che presenta elementi di cronicità e fragilità sempre più rilevanti".

Francesco Battaglia è il nuovo vicepresidente dell'Itis

Coronavirus, cuciono le mascherine e le donano all'Itis: "Grazie per quello che fate"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento