25 aprile, il Prefetto Valenti: "Affrontare le difficili sfide e rialzarci insieme"

"Il Paese è chiamato a dare una risposta forte, coesa e unitaria alle minacce che insidiano la libertà, il diritto di vivere la comunità che i nostri padri, i nostri nonni ci hanno regalato".

“È stata breve ma particolarmente sentita la cerimonia organizzata dal Comune di Trieste per commemorare il 75mo Anniversario della Liberazione alla Risiera di San Sabba a Trieste. - ha detto il Prefetto Valenti - e forse ancor più solenne ed evocativa alla luce del particolare contesto che stiamo vivendo, che tanto limita le nostre libertà”. L’emergenza epidemiologica in atto ha infatti determinato l’adozione di misure stringenti per evitare assembramenti ed i connessi rischi in attuazione di precise direttive governative e, pertanto la cerimonia si è svolta senza la tradizionale folta presenza di pubblico e delle associazioni combattentistiche e d’arma. Il Sindaco di Trieste Dipiazza, dando lettura di un testo condiviso tra tutti i Sindaci del territorio Giuliano presenti, ha evidenziato che la commemorazione odierna della lotta per riconquistare la libertà contro l’oppressione e le persecuzioni nazifasciste, ci ricorda la necessità di una prospettiva di pace e di solidarietà per liberarci da un nemico invisibile che oggi opprime le nostre vite. Ha evidenziato il Prefetto Valenti, a margine della cerimonia: “dopo le distruzioni e i morti della guerra gli italiani seppero rialzarsi, grazie anche alle libertà repubblicane, e uniti affermarsi come una delle maggiori potenze industriali del mondo. Allo stesso modo dobbiamo oggi affrontare le difficili sfide che ci attendono per superare la crisi in atto e ribadire il nostro ruolo di popolo laborioso, tenace e solidale. Il Paese è chiamato a dare una risposta forte, coesa e unitaria alle minacce che insidiano la libertà, il diritto di vivere la comunità che i nostri padri, i nostri nonni ci hanno regalato. I virus possono essere di natura diversa ma tutti attentano all’integrità dell’uomo. La Risiera mi ha ricordato stamani che il nemico si combatte con lo stesso coraggio, la stessa determinazione dei resistenti di allora, rimanendo uniti e con questi sentimenti che abbiamo dunque oggi il dovere di sconfiggerlo insieme.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid 19: 45 nuovi contagi in Fvg, 11 a Trieste

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Sfonda la porta di casa del cugino ai domiciliari e l'accoltella: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento