menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

5x1000 alla Fondazione Luchetta, Ota, d'Angelo, Hrovatin ? (Entro 8 luglio) come fare

Anche quest'anno, in sede di dichiarazione dei redditi, è possibile destinare il 5 x mille dell’Irpef alla Fondazione Luchetta Ota D’Angelo Hrovatin, impegnata dal 1994 anni nell’accoglienza e assistenza dei bambini con malattie incurabili in...

Anche quest'anno, in sede di dichiarazione dei redditi, è possibile destinare il 5 x mille dell'Irpef alla Fondazione Luchetta Ota D'Angelo Hrovatin, impegnata dal 1994 anni nell'accoglienza e assistenza dei bambini con malattie incurabili in patria.
Per farlo basta inserire la propria firma e il numero di codice fiscale della Fondazione (90065740327) nello spazio riservato al sostegno delle Onlus nella dichiarazione dei redditi.

Il 28 gennaio 1994, gli inviati della Rai Marco Luchetta, Alessandro Ota e Dario D'Angelo vengono uccisi da una granata mentre stanno realizzando uno speciale per il TG1 su bambini vittime della guerra nell'ex Jugoslavia.
L'iniziativa nasce all'indomani della tragedia di Mostar sotto forma di Comitato.
Perchè i bambini? Con il loro corpo i giornalisti caduti hanno fatto da scudo al piccolo Zlatko che stavano intervistando.
Interessarsi alla salute dei bambini di quelle terre ne fu la logica conseguenza.
Parenti, amici e colleghi intendono ricordarli in modo fattivo e concreto.
In collaborazione con l'ospedale infantile Burlo Garofolo di Trieste, progettano la realizzazione di un centro di prima accoglienza per bambini e loro familiari, vittime delle atrocità di una guerra che si combatte a pochi chilometri dal nostro Paese.
Viene così ristrutturato un edificio di proprietà della Provincia di Trieste, poi inaugurato nella primavera del 1998.
Il Comitato sorto quattro anni prima si è nel frattempo trasformato in Fondazione, intitolata ai tre inviati Rai e a Miran Hrovatin, l'operatore dell'informazione triestino ucciso il 20 marzo 1994 in un agguato in Somalia mentre realizzava, con la giornalista Ilaria Alpi, un reportage per il TG3.
Le necessità, dopo i primi anni di attività, si moltiplicano come si moltiplicano gli ospiti che ogni anno vengono accolti a Trieste.





Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento