Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca Barriera Vecchia - Città Vecchia / Piazza Unità d'Italia

Manifestazione in piazza Unità il 9 maggio, partito il tam tam sul web

"La pazienza è finita", "L'Italia al popolo italiano", "Cacciamoli via subito" e altri slogan hanno iniziato a circolare sulla piattaforma AgiamoAdesso.org e come messaggi condivisi via Facebook da un "comitato spontaneo di tutte le categorie economiche in difficoltà"

Sono lavoratori portuali, semplici cittadini, piccoli imprenditori, artigiani e commercianti stufi di aspettare la tanto sbandierata ripartenza e per questo scenderanno in piazza a Trieste il prossimo 9 maggio alle 17. Dopo l'emergenza che ha paralizzato l'intero pianeta in virtù della pandemia e costretto il governo italiano al lockdown di tutte le attività produttive, ieri sera il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato l'inizio, previsto il 4 maggio, della cosiddetta "Fase 2". Nel discorso il premier ha indicato il calendario delle riaperture e una di queste, quella relativa a ristoranti e bar e fissata il primo giorno di giugno, ha di fatto scatenato una protesta generale sia dal punto di vista istituzionale (Confcommercio e Fipe in testa), sia sui social. 

"Moriranno centinaia di aziende", l'appello disperato di Confcommercio

Il richiamo via social

Su Facebook è quindi scattato il tam tam e la gente ha iniziato a rispondere. L'obiettivo della manifestazione è quello "di scendere in piazza" e denunciare quella che viene definita "la totale inadeguatezza delle misure attuate in questo periodo di emergenza sanitaria e della inconsistenza degli aiuti ai cittadini e al settore economico". Degli organizzatori al momento non si conosce l'identità ma uno dei post di maggiore successo è quello pubblicato da Denis Conte, tecnico di pugilato della società Ardita ed ex segretario regionale di Forza Nuova, partito neofascista fondato da Roberto Fiore.

Il comitato spontaneo

Al di là del passato politico di Conte, nel post viene precisato il fatto che la manifestazione sarà "apartitica". Conte ci tiene inoltre a sottolineare, contattato da Trieste Prima, che "la manifestazione è stata ideata da tutti quei cittadini che sono allo stremo" e che verrebbe promossa " da un comitato spontaneo di tutte le categorie economiche in difficoltà". Tra i commenti al post di Conte spicca anche quello di Alberto Scodini, referente regionale di Agiamo Adesso, una piattaforma online che chiede di "bloccare le piazze" il 4 maggio per restituire "l'Italia al popolo italiano". Tra le altre cose, AA chiede anche l'uscita immediata dall'Unione Europea, il controllo ed emissione pubblica della moneta e l'azzeramento dei debiti e tasse verso lo Stato. 

Ecco la fase 2 del governo, le novità dal 4 maggio in poi

"La pazienza è finita"

"La pazienza è finita - si legge invece nella chiamata triestina del 9 maggio -. Chiederemo a gran voce una riapertura totale di tutte le attività economiche, produttive, commerciali, artigiane, culturali, sportive e ricreative". Il popolo di "negozianti, artigiani, ristoratori, baristi, società sportive, cassaintegrati, albergatori, operatori turistici, precari, disoccupati e cittadini stanchi di esser presi in giro da politiche inadeguate e da Task Force improvvisate. Scendiamo in piazza sotto la Prefettura per chiedere di riaprire le attività in sicurezza e la libera circolazione dei cittadini". Il preavviso sarebbe già stato inviato alla Questura di Trieste. Il post infine assicura che la manifestazione si svolgerà "mantenendo la distanza di sicurezza". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manifestazione in piazza Unità il 9 maggio, partito il tam tam sul web

TriestePrima è in caricamento