menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crollato il tetto della piscina Acquamarina

Il grave incidente è avvenuto poco dopo le 14.40 in riva Grumula. Sul posto 118, Polizia,Carabinieri, Vigili del Fuoco, Polizia Locale e Guardia di Finanza. Non ci sono feriti. La piscina era chiusa per manutenzione della struttura

È crollato il tetto della piscina Acquamarina di riva Grumula a Trieste. Il grave fatto è successo poco dopo le 14.40 di oggi 29 luglio. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118, la Guardia di Finanza, Polizia, Carabinieri e Vigili del fuoco. Al momento non si conoscono le cause del crollo. L'accesso al pubblico della piscina era stato interdetto da ieri 28 luglio. 

Al momento del crollo all'interno della struttura non risultava esserci nessuno. Non ci sono feriti. Per le verifiche sul posto stanno procedendo i militari dell'Arma. La struttura era stata realizzata nel 2000, durante l'ultimo periodo del secondo mandato a sindaco di Riccardo Illy. Sul posto sono giunti anche alcuni assessori del Comune di Trieste come Carlo Grilli, Lorenzo Giorgi, Giorgio Rossi, il vicesindaco Paolo Polidori e la titolare dei Lavori Pubblici, Elisa Lodi. 

Sulla scena del disastro si è visto anche il sostituto procuratore Pietro Montrone, arrivato immediatamente dopo il crollo dell'edificio al cui interno erano appena iniziati alcuni lavori di manutenzione che, come da fonti sul posto, erano stati affidati alla Zara Metalmeccanica, ditta della zona di Mestre. 

IMG-20190729-WA0022-2

Nel bar della piscina si trovava una dipendente che ha assistito al crollo della copertura del tetto. "Sono stati gli angeli a salvarmi" ha affermato all'uscita poco dopo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

social

Torta morbida cioccolato e cannella: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento