Aquileia presenta il Piano strategico per lo sviluppo del sito Unesco

La Fondazione Aquileia ha presentato le linee del Piano Strategico degli interventi nelle aree archeologiche e sugli immobili che fanno parte del sito UNESCO e si intersecano con i programmi di sviluppo urbanistico e viario di competenza del Comune

Ieri, giovedì 30 luglio, nei porticati del Museo Archeologico Nazionale, la Fondazione Aquileia ha presentato le linee del Piano Strategico degli interventi nelle aree archeologiche e sugli immobili che fanno parte del sito UNESCO e si intersecano con i programmi di sviluppo urbanistico e viario di competenza del Comune. La presentazione, destinata al Consiglio d’Amministrazione e al Collegio dei Revisori dei Conti della Fondazione, ha visto per l’occasione la partecipazione dei rappresentanti delle cinque Università con cui la Fondazione ha da tempo consolidato partnership scientifiche e che conducono importanti campagne di scavi ad Aquileia (Udine, Trieste, Venezia Ca’ Foscari, Padova e Verona), della Soprintendente Archeologia Belle Arti e Paesaggio Dottoressa Simonetta Bonomi, del Consigliere per la formazione e ricerca del Ministro Franceschini Prof. Giuliano Volpe, già Presidente del Consiglio Superiore dei Beni Culturali, e dalla Dottoressa Andreina Contessa, Direttore Regionale dei Musei FVG.Presenti anche la Direttrice del MAN Dott.ssa Marta Novello e la funzionaria archeologa della Soprintendenza Paola Ventura. La Regione Autonoma FVG era rappresentata dal proprio rappresentante nel CdA della Fondazione, Prof. Alessio del Fabbro.

Il Piano Strategico

Il Piano Strategico, frutto del lavoro di anni di riflessione e lavoro, è stato redatto dal Direttore della Fondazione Cristiano Tiussi, con il supporto di un gruppo di lavoro coordinato dal Prof. Carlo Magnani dello IUAV di Venezia, che ha illustrato i criteri ispiratori del piano. Il piano, fortemente orientato allo sviluppo ordinato e virtuoso del territorio di Aquileia, ha ottenuto generale e piena condivisione da parte di tutti i presenti, in particolare da parte del Sindaco di Aquileia Emanuele Zorino. Positive e incoraggianti le osservazioni del Consigliere del Ministro Franceschini Prof. Volpe che ha affermato di considerare quello della Fondazione Aquileia come un laboratorio unico in Italia e un modello trainante nei confronti di altre esperienze nel settore della valorizzazione.

La Fondazione dovrebbe, secondo il Prof. Volpe svolgere la funzione che nell’informatica è assicurata dal “sistema operativo” per ogni attività di valorizzazione condotta sul territorio, oltre che rappresentare e sviluppare un esempio di collaborazione con le Università anche nel quadro del rapporto MIBACT-MIUR. Atmosfera dunque pienamente positiva ed improntata a grande spirito di collaborazione interistituzionale, ravvivata peraltro da un garbato dibattito originato dall’annuncio della prossima istituzione da parte della Regione di un Ufficio Unico per la gestione dei fondi destinati due anni fa dal MIBACT ad Aquileia (soluzione peraltro proposta dalla Fondazione già nel giugno 2018). Il Presidente della Fondazione Zanardi Landi e il rappresentante del MIBACT in seno al CdA della Fondazione, dottor Salvo Barrano, hanno tenuto a sottolineare che nè il Consiglio d’Amministrazione, nè il Presidente, né il Direttore della Fondazione Aquileia sono stati in alcun modo consultati su un’iniziativa che potrebbe rivelarsi decisiva evitare la perdita dei fondi assegnati e che avrà un impatto enorme sulla valorizzazione del sito UNESCO. Piena la fiducia espressa nei confronti del Presidente Fedriga e della sua perdurante intenzione di valorizzare al massimo le potenzialità della Fondazione Aquileia come emerse nel corso degli ultimi anni.

Le fasi

Il Direttore Cristiano Tiussi, che ha illustrato le fasi e la consistenza dei conferimenti delle aree (in tutto 21 ettari) e i principi ispiratori del piano, che offre un approccio globale al tema della valorizzazione delle aree stesse, non solo limitato all'aspetto storico-archeologico ma anche alle valenze di carattere naturalistico e paesaggistico che le contraddistinguono. Il prof. Magnani ha sottolineato come gli obiettivi del piano siano costituiti dalla necessità di ricostituire l'unità e la convivenza tra città romana, città medioevale e città moderna. L’individuazione, stabilita nel Piano di Gestione approvato nel 2017, di una zona cuscinetto (buffer zone) intorno al perimetro del sito UNESCO permette, all’interno della specificità del caso aquileiese, la costruzione di un parco che è al contempo parco archeologico, parco agricolo e parco urbano; la costruzione della circonvallazione, come prevista dalla regione FVG, ad est della città, consentirà di alleggerire il traffico lungo la strada regionale 352 soprattutto nel tratto di attraversamento del foro, dove il ridimensionamento della sezione stradale, per la costruzione di una zona 30 o di una zona ZTL, potrà indurre un sentimento di estraneità verso le automobili e non più verso le aree archeologiche come oggi accade. La costruzione della strada comporterà la riorganizzazione dei tracciati viabilistici urbani e l’opportunità del coinvolgimento dell’area dell’ex caserma e della base missilistica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre i confini di Aquileia

Il piano offre infine uno sguardo che travalica i confini di Aquileia e proietta il sito nel contesto del territorio regionale della “bassa friulana”, considerando l'esistenza in pochi chilometri di tre eccezionali esempi di città di fondazione (Aquileia città romana, Palmanova città rinascimentale, Torviscosa città del XX secolo) e, lungo l’asse nord sud, di centri importantissimi come Cividale e Grado. Il Sindaco di Aquileia Emanuele Zorino ha elogiato il lavoro, evidenziando come il recente protocollo con il demanio per la cessione al Comune della caserma Brandolin s'inserisca perfettamente in questo contesto e ricordando lo stato di avanzamento progettuale della circonvallazione (Ring) da parte di FVG Strade. OTTIMO SUCCESSO DELL’AQUILEIA FILM FESTIVAL Pieno il successo dell’Aquileia Film Festival, unanimemente e fortemente voluto quest’anno dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione Aquileia come segno di volontà di ripartenza e di collaborare per la ripresa delle attività commerciali della Città. Un disciplinatissimo pubblico (1000 ogni serata le prenotazioni via mail) ha scrupolosamente osservato il distanziamento e le altre prescrizioni igienico sanitarie, distribuito tra Piazza Capitolo e Piazza Patriarcato, dotate ciascuna di un mega schermo. Altre 2000 persone hanno seguito le proiezioni in streaming confermando il gradimento della formula e della scelta dei partecipanti ai dibattiti animati da Piero Pruneti da parte del pubblico e l’ampia eco del primo grande film festival effettuato in Italia dopo l’inizio della pandemia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piano cottura ad induzione: vantaggi, svantaggi, costi e consumi

  • Terribile schianto in strada per Basovizza, motociclista di 57 anni perde la vita

  • Vigile del fuoco con la passione per i motori perde la vita in un terribile incidente

  • Tragedia in un fondo edile di via D'Alviano: muore schiacciato da un camion in manovra

  • Investita sulle strisce: 55enne in rianimazione

  • Tragedia nelle acque di Brindisi, morto giovane sub di Trieste

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento