Vent'anni senza Giorgio Depangher: l'evento ricordo online per l'ex sindaco e poeta

  • Dove
    Online
    Indirizzo non disponibile
    Duino-Aurisina
  • Quando
    Dal 13/02/2021
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Da vent'anni è scomparso Giorgio Depangher, ex sindaco di Duino Aurisina e intellettuale, in suo onore sarà trasmesso  da Duino&book un incontro commemorativo sabato 13 febbraio alle ore 10.00 in diretta dal centro congressi di Visogliano. Promosso dal Gruppo Ermada Flavio Vidonis nell’ambito di Duino&Book, Appuntamenti con la Storia sostenuto dalla Regione Fvg,  vedrà la partecipazione di amici ed amministratori che ricorderanno Giorgio e la sua figura di uomo, di amministratore, di poeta e traduttore. 

L’incontro sarà moderato da 

Massimo Romita Presidente Gruppo Ermada VF

Interverranno

Vera Tuta Ban già vicesindaco di Duino Aurisina

Marisa Skerk già vicesindaco di Duino Aurisina e presidente Circolo Sloveno SKD” Igo Gruden,Slovensko kulturno društvo Igo Gruden

Martina Vocci giornalista TV KoperCapodistria

Giorgio Ret già sindaco di Duino Aurisina

Saluti istituzionali del Sindaco Daniela Pallotta 

https://duinobookfestivaldelibro.blogspot.com/2021/02/giorgio-depangher-ricordo-del-poeta-20.html

Chi era 

Giorgio Depangher è stato una delle più rilevanti personalità del territorio di Duino Aurisina.  Nato a Capodistria nel 1941, si trasferì a Trieste nel 1954 all'epoca del grande esodo dall'Istria.   Nonostante il doloroso distacco dalla sua terra, riuscì ad integrarsi in profondità nel comune di Duino Aurisina, dove andò a risiedere, tanto da diventarne sindaco negli anni '80. La sua formazione culturale si sviluppò tra l'Istria e l'Italia: qui si laureò e divenne insegnante di materie letterarie nelle scuole medie.     

Si impegnò in attività politiche e sindacali, oltre che culturali. Fondò nell' 81 il Circolo Istria di cui fu presidente per sei anni, e assunse un ruolo importante nell'istituto Gramsci, per il quale organizzò varie attività culturali; tra altre pubblicazioni, curò anche gli atti di tre convegni sulle minoranze, rispettivamente negli anni '85, '86, '88. Tutta la sua attività converge su un obiettivo fondamentale: collaborare a creare, in questa regione così ricca di tensioni tra italiani e sloveni, una cultura della convivenza, che poggi sulla conoscenza reciproca e che si arricchisca dell'apporto di entrambe le tradizioni.      Anche la sua produzione letteraria è improntata alla sua volontà di integrazione tra le due culture: poeta egli stesso, ha condotto un'attività di traduzione di numerosi testi di poeti sloveni tra cui Igo Gruden e France Preseren.     

Negli anni Ottanta sono uscite tre sue raccolte di poesie: Il ginepro e il vento (1983), I silenzi della città (1984) e Con l'altra parte di me (1987). Nelle liriche della prima si evidenzia come dato costante la profonda relazione che il poeta istituisce tra sè e il Carso, un ambiente dove tutti gli elementi naturali e paesaggistici assumono una funzione simbolica, si riempiono di significati che esprimono la difficoltà dell'integrazione e una forte tensione sentimentale e morale.      Nella seconda raccolta Depangher utilizza una lirica meno evocativa, per rappresentare intrecci più complessi di situazioni pubbliche e private raccontando poeticamente la difficoltà del suo inserimento in una società talvolta ostile, divisa da barriere che egli cerca di abbattere.      Nell' ultima opera compie una profonda riflessione sulla storia sua e di tanti altri, affrontando la tematica della doppia identità, della sua integrazione nel territorio, e proponendo una cultura della convivenza sia dal punto di vista storico-biografica che sentimentale-esistenziale.      In tutte queste liriche si evidenzia un forte desiderio di unificazione, ma spesso anche l'amarezza per "una storia che non cresce".       L'ultima raccolta, Sbrindoli (cioè Brandelli), è uscita postuma nel 2002, ad un anno dalla sua prematura scomparsa: è un libretto di poesie in dialetto capodistriano , pagine di un diario dolce e malinconico che scavano nei segreti degli uomini e della vita. "Xe stada cusì curta 'sta zornada. Nel 2004 è stato istituito il Premio Depangher,  Il riconoscimento è promosso dall'Istituto Gramsci del Friuli Venezia Giulia assieme al Circolo Istria, al Gruppo Skupina '85, al Circolo Krozek '91 di Duino Aurisina, ai Comuni di Duino Aurisina e di Capodistria in memoria di Giorgio Depangher, già sindaco del Comune, per diffondere tra i giovani quegli ideali di fratellanza e di collaborazione fra popoli di lingue e culture diverse ma vicini per geografia e radici comuni, che furono propri della sua attività d'insegnante e letterato, promotore di cultura e amministratore pubblico. Il Premio, annuale, era rivolto agli studenti delle ultime due classi delle scuole superiori (massimo 21 anni) delle province di Trieste e Gorizia, del Comune di Capodistria, della Comunità slovena in Italia e di quella italiana in Slovenia e Croazia

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Passeggiata gratuita alla scoperta dei grandi imprenditori nella storia di Trieste

    • dal 20 agosto 2020 al 2 settembre 2021
    • Campo San Giacomo
  • Ciaspolade, degustazioni e tour: torna lo SkiBus Fvg per Sappada

    • dal 14 febbraio al 24 marzo 2021
  • "Ero uno zombie ma sono guarita", la battaglia di Anna contro l'anoressia diventa una mostra

    • Gratis
    • dal 1 marzo al 30 aprile 2021
    • Leali delle Notizie
  • Il Verdi punta sui “Giovani talenti”: sei concerti con i professionisti del domani

    • dal 30 gennaio al 18 aprile 2021
    • Telequattro
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TriestePrima è in caricamento