Gruppo Principe, verso il concordato preventivo

Indirizzate ai lavoratori formali richieste di incontro per un primo confronto sulle prospettive dei livelli occupazionali e delle eventuali problematiche di interesse. Prima convocazione giovedì 7 febbraio

"Il Tribunale di Modena ha ammesso le Società richiedenti alla procedura di concordato preventivo, contestualmente nominando il Giudice Delegato nella persona del Presidente Dott. Pasquale Liccardo e i commissari nelle persone del Dott. Marco Zanzi di Bologna e del Dott. Angelo Zanetti di Modena".

Lo ha dichiarato Gruppo Kipre in una nota stampa.

"I provvedimenti resi - continua la nota - avviano la procedura di concordato cosiddetto di gruppo, pur nel rispetto dell’attuale normativa in materia che esige la trattazione specifica della posizione di ogni singola Società pur in un contesto unico di generale valutazione. Il Tribunale ha altresì concesso termine per la presentazione e deposito del Piano sino al 29 marzo 2019".

Richieste di incontro ai lavoratori

"Nell’evidenziare la soddisfazione per l’accoglimento delle domande processuali, il Gruppo si trova oggi nella situazione di poter interloquire e confrontarsi con i soggetti interessati alle procedure, confronto che sino a oggi non sarebbe stato completamente legittimato anche per rispetto dell’autonomia, indipendenza e serenità di giudizio del Tribunale adito con la conseguenza che si sono già attivate le azioni utili a tal fine. Ai rappresentanti dei lavoratori interessati sono state indirizzate formali richieste di incontro, per un primo confronto sulle prospettive dei livelli occupazionali e delle eventuali problematiche di interesse, con particolare riferimento alla situazione dello stabilimento di San Dorligo della Valle, ove si registrano toni e prese di posizione che l’azienda ha tollerato, pur non apprezzando i proclami di “lotta” e i giudizi non ricevibili, se non ascritti in una non conoscenza delle procedure concorsuali. Non si dubita che il confronto verrà ricondotto nell’alveo del rispetto delle regole e degli interessi delle parti, e in tal senso si conferma la disponibilità della Società".

"Al fine di rendere efficiente ogni processo operativo, giuridico-legale, contrattuale e sindacale, e di consentire il miglior lavoro per la presentazione del Piano, il Gruppo ha determinato di affidare a un manager la conduzione dei rapporti aziendali, pur mantenendo le responsabilità in capo agli amministratori, che dovrà operare di concerto con gli advisor e rappresentare le Società avanti gli organi di controllo e della procedura".

FLAI CGIL: "Convocazione il 7 febbraio"

"A seguito dell'apertura dello stato di agitazione per gli stabilimenti di Trieste San Daniele e Parma e avendo predisposto un'iniziativa fuori dallo stabilimento di San Dorligo della Valle per la giornata di lunedì, oggi abbiamo ricevuto convocazione da parte dell'azienda per la giornata di giovedì 7 febbraio alle ore 15:30 allo stabilimento di Trieste" ha dichiarato Sandra Modesti (FLAI CGIL). "Per questo motivo sospendiamo l'iniziativa di lunedì in attesa di confrontarci con l'azienda e riferire poi in un secondo momento ai lavoratori quanto emergerà da quell'incontro resta inteso che se alla convocazione non seguirà l'effettiva incontro e che quindi l'azienda non si presenterà il tavolo così come è successo con la Regione attiveremo immediatamente i lavoratori con una nuova iniziativa"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Tuiach porta in tribunale Parisi ma perde la causa

  • Sara Gama corregge giornalista di Sky: "Trieste è in Venezia Giulia"

  • Brutto incidente in superstrada, due persone a Cattinara

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

Torna su
TriestePrima è in caricamento