Muggia cancella la tassa per il suolo pubblico e stanzia altri 50mila euro per i buoni spesa

Il sindaco Laura Marzi: "Decisioni prese per dare un segnale di vicinanza ai commercianti e aiutare coloro che, a causa dell'emergenza sanitaria, si sono trovati senza liquidità nemmeno per mangiare"

Foto Aiello

Cancellazione della tassa per l'occupazione del suolo pubblico (Cosap) e 50mila euro in più per i buoni spesa. Sono queste le misure adottate dal Comune di Muggia, a vantaggio della città. Per andare incontro ai propri concittadini ed ai commercianti muggesani che, a seguito dell’emergenza Coronavirus, hanno dovuto affrontare delle restrizioni alle proprie attività.  “Ci siamo consultati con gli uffici competenti, decidendo di prorogare le scadenze relative al pagamento delle imposte comunali TARI e COSAP, che avrebbero prossima scadenza, rimandandola invece a questa estate” aveva spiegato il sindaco Laura Marzi. “È un momento particolarmente gravoso per le attività commerciali e siamo subito intervenuti per cercare di dare respiro alle realtà economiche muggesane, con l’auspicio che durante i mesi estivi ci siano le condizioni per un’attesa ripresa. Dopo la pubblicazione dell’ultimo DPCM è ben chiaro che i tempi non rispecchieranno esattamente questa previsione troppo ottimista e siamo quindi prontamente re-intervenuti cancellando in toto la COSAP 2020 per le nostre realtà commerciali. Questa decisione è particolarmente importante per dare un segnale di vicinanza ai commercianti che sono l’anima dell’economia della nostra città.” Il Comune di Muggia ha scelto, quindi, di adottare questa misura allo scopo di permettere alle attività economiche, colpite dalle conseguenze dell'emergenza sanitaria, di essere alleggerite dal peso del Canone di occupazione spazi ed aree pubbliche. “Si tratta di misure con cui intendiamo dare un aiuto, per quanto di nostra possibilità e competenza, a chi è stato più colpito dal punto di vista economico da questa situazione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I buoni spesa

Ma questo non è l’unico fronte sul quale a Muggia si sta continuando ad intervenire: basti pensare all’ulteriore stanziamento di 50 mila euro che l’Amministrazione Marzi ha messo in campo per poter proseguire nell’erogazione dei buoni spesa. "Abbiamo lavorato con grande spirito di squadra per arrivare a trovare, nel più breve tempo possibile, la soluzione e le modalità per distribuire a chi ne ha assoluta e reale necessità i fondi per fare la spesa e garantire quindi i pasti a chi, per i più svariati motivi in questa grave crisi sanitaria, si è trovato senza liquidità nemmeno per mangiare. Con orgoglio possiamo dire di esserci riusciti già prima di Pasqua, garantendo il sostegno previsto già per le festività" ha detto il sindaco Laura Marzi. “Le problematiche economiche della nostra comunità non si sono però chiaramente esaurite con il mese di aprile. Per questo, dopo le opportune verifiche, abbiamo deciso di operare dei tagli al bilancio comunale in modo da reperire la medesima cifra erogata il mese scorso e metterla a disposizione delle famiglie muggesane più in difficoltà per il mese di maggio. Si tratta di un grande sforzo, sia da parte dei dipendenti dell’Ente, sia da parte della giunta, sia da parte delle realtà di volontariato che in questo periodo sono sul campo: a tutti loro va il mio sincero ringraziamento che, credo di non sbagliare, sia anche quello di tutti i miei concittadini. A Muggia non lasciamo indietro nessuno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale davanti al Red Baron: deceduta una ragazza di 22 anni

  • Stop al pieno oltre confine: la Slovenia mette il Fvg in zona rossa

  • Il ricordo di Sara, vittima della strada a soli 22 anni: "Un'anima pura"

  • Coronavirus: 334 nuovi casi di cui 141 a Trieste, 3 decessi in Fvg

  • Scuole, didattica a distanza al 50%: la nuova ordinanza di Fedriga

  • Nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi dopo le 18, stop alle palestre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento