Polfer, Rail Safe Day: 105 persone identificate

L'iniziativa, disposta mensilmente dal Servizio di Polizia Ferroviaria di Roma, che coordina l’attività di tutti i Compartimenti territoriali della Specialità, consiste in una serie di controlli straordinari in ambito ferroviario, per prevenire il verificarsi di tutti quei comportamenti anomali ed impropri

Controlli in 27 località, tra stazione F.S: ed altri siti, per la seconda operazione "Rail Safe Day" del 2019. Nell’intero territorio regionale sono stati impiegati 82 operatori del Compartimento della Polizia Ferroviaria del Friuli Venezia Giulia. Le persone identificate sono state 105, mentre, a testimonianza del buon livello di rispetto della normativa vigente, non sono state elevate sanzioni nei confronti di alcun utente.

 L'operazione

Questa iniziativa, disposta mensilmente dal Servizio di Polizia Ferroviaria di Roma, che coordina l’attività di tutti i Compartimenti territoriali della Specialità, consiste in una serie di controlli straordinari in ambito ferroviario, per prevenire il verificarsi di tutti quei comportamenti anomali ed impropri, quali l’indebita presenza di persone sulle linee ferroviarie nei pressi di passaggi a livello ed oltre la “linea gialla” in stazione, l’incauto attraversamento dei binari, la realizzazione dei pericolosissimi “selfie” in linea, che in alcune situazioni sono sfociati in eventi tragici.

Lo scopo ultimo della giornata consiste nell’educare l’utente delle ferrovie al rispetto di un appropriato codice comportamentale nell’utilizzo dei servizi del mondo ferroviario.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Way of life" vince la Barcolana 51 (FOTO E VIDEO)

  • Accoltellamento in scala dei Giganti: un 17enne italiano in prognosi riservata

  • Barcolana 51: i primi 10 classificati (FOTO)

  • Aggressione a colpi di martello a Ponziana, due persone a Cattinara

  • Giovane di 15 anni confessa l'accoltellamento: l'accusa è di tentato omicidio

  • Le salme di Matteo e Pierluigi arrivate in Questura, allestita la camera ardente

Torna su
TriestePrima è in caricamento