Sabato, 23 Ottobre 2021
Cronaca

Carnevale di Muggia: sicurezza al primo posto per la 65esima edizione

Anche il Carnevale muggesano, essendo la manifestazione di maggior richiamo e afflusso di persone nel centro della città istroveneta, è stato investito dalle direttive nazionali volte alla tutela del cittadino

È ancora una volta l’ingegnere Sponza colui che è stato investito del gravoso incarico di redigere il Piano della Sicurezza per a 65ma edizione del Carnevale Muggesano. Anche il Carnevale muggesano, infatti, essendo la manifestazione di maggior richiamo e afflusso di persone nel centro della città istroveneta, è stato investito dalle direttive nazionali volte alla tutela del cittadino.

Il Comune di Muggia affronta da anni, in realtà, le tematiche relative alla sicurezza della sfilata dei carri allegorici, predisponendone il Piano di emergenza già dal 2012 e, lo scorso anno anche il piano delle misure antiterrorismo di intesa con il locale Commissariato di Polizia. La scelta di quest’anno, dunque, segue un percorso che aveva già visto l’Ente rivierasco adottare misure che lo avevano visto precursore in tal senso, ma è ora rafforzata dalla nota della Prefettura di Trieste dell’agosto scorso, “Manifestazioni pubbliche – tematiche di “security” e “safety”. Modelli organizzativi” con la quale veniva trasmessa ai Comuni la Direttiva del Capo di Gabinetto del Ministro n. 11001/110(10) Uff. II- Ord. Sic. Pub. del 28 luglio per fornire istruzioni operative per la gestione delle manifestazioni pubbliche.

«L’impegno di un’amministrazione seria è mettere al primo posto la sicurezza, sempre e comunque. Delle carenze in termini di corretta valutazione del rischio non sono concepibili, e non lo sarebbero neppure per elementi minoritari che potrebbero comunque creare degli ostacoli al regolare svolgimento della manifestazione» ha chiarito l’assessore Decolle. «Il nostro Carnevale è una manifestazione che, alla luce delle varie circolari ministeriali, è ad alto rischio proprio in termini di sicurezza ed è per questo che ci siamo subito attivati per realizzare un progetto per il Piano di Sicurezza dell’intera manifestazione in programma dall’8 al 14 febbraio 2018 in modo da procedere già a metà dicembre all’inoltro del documento con congruo anticipo alla Commissione Prefettizia per l’Ordine e la Sicurezza». La vera novità sta, quindi, nel fatto che se fino all’anno scorso la Commissione Prefettizia era impegnata esclusivamente sulla domenica- la giornata con la più importante partecipazione della settimana carnevalesca- la manifestazione verrà quest’anno invece analizzata nella sua totalità valutando gli eventuali adeguamenti da mettere in campo per ogni giornata.

«Ci auguriamo che gli assessorati preposti anche a livello regionale siano consapevoli dello sforzo che stiamo compiendo per garantire la riuscita della manifestazione senza snaturarne l’essenza e al contempo impegnandoci per farla crescere a vantaggio non solo della città ma di tutto il territorio» ha commentato Decolle.

Aumentare l’attenzione concreta legata alla sicurezza comporta, infatti, inevitabilmente un aumento anche in termini di costi, una voce che, insieme alla “pulizia” è fondamentale e imprescindibile perché si possa realizzare una festa che appartiene a tutta la comunità. Una festa che, come tutte le manifestazioni, alla luce delle nuove direttive, dovrà ora avvalersi anche di nuove professionalità legate alla sicurezza. In tal senso è propositivo l’assessore Decolle: «credo che si dovrebbe cominciare a valutare la possibilità di trovare in loco le competenze di cui in futuro si avrà sempre più necessità. È necessario iniziare a considerare l’idea di formare figure tecnicamente preparate a queste nuove richieste in modo da convogliare nel territorio anche le risorse».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carnevale di Muggia: sicurezza al primo posto per la 65esima edizione

TriestePrima è in caricamento