Abbandonano rifiuti ingombranti per strada: sanzionati per 600 euro

E'accaduto in Androna Colombo e via Costalunga. L’abbandono di questi materiali, oltre a rappresentare un problema di decoro ambientale, costituisce un problema igienico-sanitario di potenziale rischio per la salute pubblica e pericolo per la sicurezza urbana

Nell'ultima settimana, a seguito della segnalazione di un cittadino, il personale del Distretto A della Polizia locale di via Locchi ha effettuato alcuni controlli nella zona di San Giacomo con particolare attenzione in Androna Colombo dove era stato segnalato un deposito incontrollato di rifiuti. Al loro arrivo gli operatori hanno trovato un ragazzo che aveva appena depositato al suolo un materasso; l'uomo è stato sanzionato per l'abbandono dei rifiuti sul suolo pubblico. Situazione analoga in via Costalunga dove le Guardie Ambientali hanno pizzicato due uomini che, dopo aver svuotato da masserizie varie un appartamento nei paraggi, hanno pensato di liberarsi abbandonando fuori dai cassonetti una ventina di cornici della grandezza di 1 metro x 1 metro e altri rifiuti ingombranti.

Rifiuti ingombranti davanti al centro di via Carbonara: 93 sanzioni fino a 600 euro

La sanzione

Il materiale è stato fatto rimuovere e loro sono stati sanzionati per l'art. 6 del Regolamento Gestione Rifiuti Urbani e Pulizia del Territorio che prevede una sanzione di 600 euro. L’abbandono di questi materiali, oltre a rappresentare un problema di decoro ambientale, costituisce un problema igienico-sanitario di potenziale rischio per la salute pubblica e pericolo per la sicurezza urbana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione da domenica in Friuli Venezia Giulia

  • Calci e pugni in faccia a una 13enne, la madre: "Sta malissimo"

  • Il Gambero Rosso premia le migliori pasticcerie d'Italia, cinque sono a Trieste

  • Cadono in moto in galleria San Vito: grave il passeggero

  • Avviata la distribuzione gratuita di saturimetri in farmacia: chi ne ha diritto

  • Possibile stato d'emergenza fino ad aprile, e intanto il Fvg rischia la zona rossa

Torna su
TriestePrima è in caricamento