menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Accoglienza richiedenti asilo, i sindacati: «Risposte umanitarie a una crisi umanitaria»

Questa la presa di posizione assunta unitariamente dai sindacati del Friuli Venezia Giulia e della Slovenia, che chiedono «una politica di asilo attiva, sia europea che dei singoli paesi, che garantisca il rispetto degli standard di protezione internazionalmente garantiti, inclusa la Convenzione Onu sui rifugiati del 1951»

«Le barriere ed i fili spinati che sono stati di recente innalzati hanno dimostrato di essere inefficaci e di avere quale unico potenziale risultato quello di spostare i flussi da una rotta ad un’altra e di fare il gioco dei trafficanti di esseri umani».

Questa la presa di posizione assunta unitariamente dai sindacati del Friuli Venezia Giulia e della Slovenia, che chiedono «una politica di asilo attiva, sia europea che dei singoli paesi, che garantisca il rispetto degli standard di protezione internazionalmente garantiti, inclusa la Convenzione Onu sui rifugiati del 1951». Un appello, quello firmato dal Csi Nordest Fvg-Slovenia, espressione di Cgil-Cisl-Uil e dei sindacati sloveni Zsss e Ks 90, che sollecita «risposte umanitarie alle crisi umanitarie».

A firmarlo la presidente del Csi Nordest Monica Ukmar, assieme ai segretari generali delle organizzazioni sindacali transfontaliere, che chiede «una corretta applicazione della Direttiva n. 95/2011 che stabilisce il diritto a richiedere la protezione internazionale basata sulla specifica situazione di ogni singolo individuo, in base alla quale ognuno ha diritto di chiedere asilo al confine con qualsiasi Paese, e non può esserci pre-discriminazione basata sul Paese di origine».

«È proprio dalle aree di confine, dove i popoli hanno vissuto direttamente sia il flusso migratorio transfrontaliero ordinario e quotidiano che i grandi fenomeni delle migrazioni di massa legati ad eventi di guerra, che l’appello ad un modello sociale-umanitario di gestione dell’attuale crisi migratoria lungo la cosiddetta rotta balcanica, si sostanzia e trova la forza di esprimersi con chiarezza anche in questi periodi di oggettiva difficoltà»

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Appartamento piccolo? I segreti per farlo sembrare più grande

Alimentazione

Utensili e stampi da forno in silicone: rischi per la salute

social

Il Monviso fotografato da 270 chilometri: la foto è subito virale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Veicoli Commerciali

    Mezzi pesanti: regole e limiti di velocità

  • Scuola

    Metodo di studio: i consigli per memorizzare in poco tempo

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento