Rissa in piazza Libertà, in carcere i tre giovani

Dopo essere stati medicati all'ospedale di Cattinara sono finiti al Coroneo. "Beccati" in flagranza, dovranno rispondere di utilizzo di armi improprie o comunque oggetti atti ad offendere e rissa. Salvini: "Lavoriamo seriamente per ripulire la città"

I tre giovani iracheni che ieri 3 luglio sono stati protagonisti di un fatto di sangue che per poco non ha assunto i caratteri di una tragedia sono finiti in carcere. Prima di essere stati tradotti alla casa circondariale di via Coroneo a Trieste, i tre (F. H. N. F. del 1992, S. H. del 1996 e O.I. di 29 anni, erano stati trasportati all'ospedale di Cattinara per le gravi ferite riportate nella violenta collutazione scoppiata intorno poco dopo le 17 in piazza Libertà. 

Flagranza di reato: le accuse

La prognosi per i tre cittadini di origine irachena è, rispettivamente, di 12, 15 e 20 giorni. Come si legge nella nota della Polizia Locale che è intervenuta sul posto con diverse macchine, assieme alla Polizia di Stato e i Carabinieri, "tutti e tre gli uomini sono stati arrestati in flagranza". L'accusa è quella relativa all'utilizzo di armi improprie o comunque oggetti atti ad offendere e rissa. Durante la collutazione infatti è saltato fuori un coltello. I giovani coinvolti, al momento della rissa, sembra fossero sotto l'effetto dell'alcool. 

La cronaca dei fatti: cos'è successo davanti alla stazione

Le reazioni: Salvini e Polidori

Naturalmente l'accoltellamento ha provocato numerose reazioni politiche. Il vicesindaco Paolo Polidori è intervenuto attraverso una diretta facebook, mentre anche il ministro degli Interni, Matteo Salvini (atteso domani in Prefettura per la firma di un importante accordo sul porto e dei protocolli sui "Rimpatri" e "Legalità") ha pubblicato un post su Facebook affermando che "lavoriamo seriamente per ripulire la città, visto quello che è successo in piazza Libertà con la rissa tra immigrati". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I tre migranti dall'ospedale quindi sono stati portati presso la caserma San Sebastiano di via Revoltella e, successivamente, sono finiti in carcere a disposizione dell'Autorità Giudiziaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • La Polizia Locale piange Sergio Zucchi, il vigile buono e dal grande impegno civico

  • La bambina scomparsa in Carso non è mai esistita, interrotte le ricerche

  • Tragedia a Sella Nevea: donna 55enne muore dopo un volo di 50 metri, abitava a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento