menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Acquamarina, il centrosinistra: "Va ristrutturata, non trasferita in Porto Vecchio"

Il consigliere regionale Roberto Cosolini esprime le sue perplessità sul futuro della piscina terapeutica: “Dipiazza propone centro benessere in Porto Vecchio ma tempi troppo lunghi”. Con lui i consiglieri comunali del centrosinistra

Chiarezza sul futuro della piscina Acquamarina, una scelta politica chiara e nel minor tempo possibile che porti alla ristrutturazione dell'edificio, per salvaguardare i tanti cittadini bisognosi di cure mediche, ora “orfani” della struttura dopo il crollo del tetto. Queste le richieste del centrosinistra alla giunta Dipiazza in merito alla situazione in cui versa la piscina, ora sotto sequestro da parte della Magistratura a causa delle indagini sulle responsabilità del crollo.

Presente alla conferenza stampa indetta dai democratici, oltre ai consiglieri comunali, anche il consigliere regionale Roberto Cosolini, secondo cui “bisogna dare una risposta rapida e certa agli anziani e ai disabili che venivano seguiti nell'Acquamarina, e le esternazioni di Dipiazza in merito sono state incostanti: all'inizio si proponeva una tensostruttura per il tetto, poi una struttura adiacente, adesso la soluzione sarebbe un centro benessere in Porto Vecchio, con tempi troppo lunghi che contrastano con i disagi dei cittadini”.

246E828A-8FAD-4F7A-BF45-83FBBB82B830-2
“Intanto sollecitiamo rispettosamente la magistratura a terminare quanto prima le indagini - continua Cosolini – ma intanto per noi è necessario avviare una progettazione per il ripristino di questo edificio o quantomeno chiedere agli uffici uno studio di fattibilità per valutare il prezzo e la differenza con un'eventuale demolizione. Poi, una volta avviata la ristrutturazione ci sarà tempo per pensare a un centro benessere, le due strutture possono coesistere e sono compatibili. Io e il collega Russo abbiamo presentato una mozione in Consiglio Regionale per stanziare dei fondi ma è stata respinta dalla maggioranza. Sia lo stesso Sindaco a stimolare un intervento del presidente Fedriga”.


924EF630-7071-45BC-B0C1-42E3ED90504D-2Fabiana Martini (PD) ha riferito che “circa 500 persone beneficiavano delle cure dell'Acquamarina, molte di queste in situazioni di fragilità e con problemi economici. Alcuni devono trovare soluzioni di fortuna e andare in Slovenia, Croazia e Grado”, mentre Antonella Grim di Italia Viva ha ricordato di aver presentato una mozione con richieste analoghe insieme a Marco Gabrielli della Lista Dipiazza e sottoscritta anche da Andrea Cavazzini (Forza Italia), Sabrina Morena (Open FVG) e Fabiana Martini. “Tuttavia questa maggioranza tira dritto, pare non voler sentire la strada più ragionevole e continua con la sua 'annuncite' sul Porto Vecchio anche se i 50 milioni di Franceschini devono ancora essere utilizzati”.

Secondo Giovanni Barbo “il sindaco ha promesso nel 2016 il mercato ittico in Porto Vecchio entro un anno ma ancora non si è visto niente. Queste sono le premesse. Per quanto riguarda la sala Tripcovich invece ha dichiarato che avrebbe trovato 3 milioni di euro, immagino si possa trovare altrettanto per l'Acquamarina, che probabilmente richiederebbe anche di meno”.
Sabrina Morena di Open FVG ha infine rivolto un pensiero “ai lavoratori che si sono ritrovati senza un'occupazione. Intanto si continua a usare il Porto Vecchio come un 'tappeto' sotto cui infilare tutti i problemi della città. I soldi per la ristrutturazione si potrebbero chiedere alla Camera di Commercio, un progetto preferibile a un Parco del mare che potrebbe rovinare il waterfront della città”.

Acquamarina-5

D270D6B1-194A-4FE3-8F76-1076C2E52F9F-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

social

Torta morbida cioccolato e cannella: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento