menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Acquista in Internet Uniformi, Distintivi e Placche di Riconoscimento della Polizia: Denunciata

I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Trieste a seguito di indagini condotte nel settore del contrasto alle vendite di merci illegali attraverso siti di vendite on-line hanno eseguito un sequestro di uniformi, placche di riconoscimento...

I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Trieste a seguito di indagini condotte nel settore del contrasto alle vendite di merci illegali attraverso siti di vendite on-line hanno eseguito un sequestro di uniformi, placche di riconoscimento e distintivi vari di alcune Forze di Polizia e Forze Armate nazionali, illecitamente detenute da un soggetto privato.
Il materiale è stato rinvenuto a seguito di una perquisizione delegata dal Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Trieste - dr.ssa Cristina Bacer - nei confronti di una cittadina italiana residente in Provincia di Trieste, di anni 48, sospettata di aver acquistato tramite internet, attraverso un noto sito di aste on-line, i suddetti materiali ovvero oggetti e documenti che simulano la funzione di appartenente alle Forze di Polizia.
Nel corso della perquisizione sono stati complessivamente rinvenuti e sottoposti a sequestro n. 141 articoli e segni distintivi vari in uso a Corpi di Polizia e Forze Armate - tra i quali berretti, fregi, mostrine, gradi e spalline graduate in stoffa, casacche e cinturoni, nonché placche e distintivi vari di riconoscimento e di appartenenza.
La responsabile è stata, pertanto, denunciata per la violazione dell'art. 497 ter del codice penale che punisce con la reclusione da uno a quattro anni chiunque illecitamente detiene segni distintivi, contrassegni o documenti di identificazione in uso ai Corpi di polizia, ovvero oggetti o documenti che ne simulano la funzione.
In particolare, nel corso delle attività di indagine, le Fiamme Gialle di Trieste hanno rinvenuto e sequestrato parti di divise - pantaloni, giubbotti, berretti e cinturoni - contrassegnate con numero di matricola dell'Arma dei Carabinieri e della Polizia di Stato e per le quali la responsabile, denunciata a piede libero anche per ricettazione, non è stata in grado di giustificarne il possesso e la legittima provenienza.
I militari della Guardia di Finanza hanno anche rinvenuto e sequestrato un manganello del tipo in uso alle Forze dell'Ordine e quattro pistole "giocattolo" con relativi caricatori ed oltre 100 munizioni, in quanto ritenuto materiale potenzialmente classificabile come "arma", ai sensi della specifica normativa (legge n. 110/75).
Ulteriori indagini ed accertamenti sono tuttora in corso di esecuzione per risalire a tutti i canali di approvigionamento dei materiali e delle uniformi sequestrate.


Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

social

Come cucinare una carbonara perfetta: la ricetta originale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento