Cronaca

Addio ad Alessandro Pizzorno, sociologo triestino di fama internazionale

Decano degli studiosi di scienze sociali applicate alla politica e alle indagini sulle classi sociali, è morto all'età di 95 anni a Roma

Il sociologo Alessandro Pizzorno, studioso di fama internazionale, decano degli studiosi di scienze sociali applicate alla politica e alle indagini sulle classi sociali, è morto all'età di 95 anni a Roma. Come riporta Adnkronos, l'annuncio della scomparsa è stato dato oggi dalla sua famiglia.

Biografia

È autore di una vasta bibliografia con alcuni testi diventati classici della materia. Nato a Trieste il 1° gennaio 1924, Pizzorno è stato direttore del Centro di Relazioni industriali della Olivetti di Ivrea (1953-59) e poi ha svolto una lunga carriera accademica. Ha insegnato all'Università di Teheran (1959-60), Urbino (1960-73); fra il 1973 e il 1975 è stato chiamato presso il Nuffield College dell'Università di Oxford, dove ha partecipato a una ricerca comparata sulle situazioni sindacali in sei paesi europei, e in seguito dalla Università di Milano (1975-79), dove è stato direttore del Dipartimento di Sociologia.

È stato professore della Harvard University e infine dell'Istituto universitario europeo di Fiesole. Membro fondatore dell'Academia Europaea, Pizzorno è autore di numerosi studi sulla sociologia politica, urbana e del lavoro, tra cui: "Le classi sociali" (Il Mulino 1959), " I soggetti del pluralismo: classi, partiti, sindacati" (Einaudi 1960), "Le radici della politica assoluta" (Feltrinelli 1993), "Il potere dei giudici. Stato democratico e controllo della virtù" (Laterza 1998). Nel 2004 gli è stata assegnata la Medaglia del Presidente della Repubblica al Premio Nazionale Letterario Pisa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio ad Alessandro Pizzorno, sociologo triestino di fama internazionale

TriestePrima è in caricamento