Cronaca

Aeroporto di Ronchi, al via il collegamento con Istanbul: tre voli a settimana

La rotta sarà operata dalla compagnia turca BoraJet che, con i propri Embraer E-190, capaci di trasportare sino a 100 passeggeri, voleranno il martedì, giovedì e sabato

Un nuovo volo si aggiunge al network dell'aeroporto.  

Da oggi, sabato 10 settembre lo scalo del Friuli Venezia Giulia sarà collegato tre volte alla settimana con Istanbul, aeroporto Sabina Gokcen.

La rotta sarà operata dalla compagnia turca BoraJet che, con i propri Embraer E-190, capaci di trasportare sino a 100 passeggeri, voleranno il martedì, giovedì e sabato.

La partenza dallo scalo turco è prevista alle 10, mentre da Ronchi dei Legionari il decollo avverrà alle 12.

Un'altra destinazione importante offerta dall'aeroporto di Ronchi dei Legionari. Tra gli utenti di questa nuova destinazione, oltre ai passeggeri che viaggiano per turismo o per affari, ci saranno anche gli operatori della logistica. Un obiettivo importante per la società di gestione.

«Nel percorso di riorganizzazione aziendale che stiamo portando avanti, oltre al recupero di efficienza della nostra struttura dei costi – ha detto il presidente Antonio Marano – vogliamo concretizzare il potenziale commerciale del nostro scalo. Ci siamo dotati di una struttura focalizzata per lo sviluppo commerciale e l’incremento dei volumi di traffico. In sinergia – prosegue Marano – con tutti gli altri operatori regionali del trasporto stiamo ottenendo ottimi risultati. Con il porto di Trieste, oltre allo sviluppo crocieristico, abbiamo lavorato insieme per attivare il volo con Istanbul, utile anche agli autotrasportatori che utilizzano il trasporto su nave dei propri mezzi».

Per il commissario dell’Autorità portuale di Trieste, Zeno D’Agostino, «Il volo su Istanbul è l’esempio di come una stretta collaborazione sia tecnica che istituzionale tra aeroporto e porto e tutte le piattaforme logistiche della Regione Friuli Venezia Giulia, non può che dare ottimi risultati. Questo nuovo collegamento non sarebbe stato possibile senza l’ottima performance del traffico RO-RO con la Turchia. Se il porto commerciale cresce davvero, ne beneficia l’intera economia dell'area e spinge la competitività complessiva del territorio. È vero anche il contrario: un aeroporto forte rafforza il ruolo del porto sia per la parte dei traffici sia per la parte crocieristica. In alcuni porti le crociere hanno avuto uno sviluppo esponenziale quando lo scalo è stato messo in connessione sistemica e strategica con l’aeroporto. Tocca a Trieste e al Friuli Venezia Giulia credere in modo determinato e costante al proprio patrimonio e alle proprie potenzialità, che sono davvero molto importanti».

Francesco Parisi, presidente della "Francesco Parisi Casa di Spedizioni”, ha affermato «Siamo lieti di avere conferma dell’avvio del servizio aereo fra l’aeroporto di Istanbul SAW e l’aeroporto di Trieste. Questo collegamento non può che rafforzare il ruolo del porto di Trieste nel traffico fra la Turchia e l’Europa Occidentale e della piattaforma logistica multimodale della Regione Friuli Venezia Giulia».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aeroporto di Ronchi, al via il collegamento con Istanbul: tre voli a settimana

TriestePrima è in caricamento