Aggredisce e molesta i passanti in via Donota: arrestato grazie all'ex presidente Scoccimarro

«Ha cominciato a colpire le macchine causando piccoli danni ed esibendo le parti intime ai passanti. Temevo si sarebbe recato in qualche via nascosta ad aggredire qualche donna»

Aggredisce i passanti e colpisce le auto in sosta, ma viene arrestato dalla Polizia grazie all'intervento di Fabio Scoccimarro. Il coordinatore Fvg di Fratelli d’Italia ed ex presidente della provincia è stato quindi testimone e parte attiva in un episodio di aggressione presso il circolo Arena Cittavecchia, in via Donota 34, che per fortuna non ha avuto gravi conseguenze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo Scoccimarro: «Si trattava di uno straniero, voleva bere e ha cercato di aggredire le persone al di fuori del circolo, che si sono chiuse dentro. Poi ha cominciato a colpire le macchine causando piccoli danni ed esibendo le parti intime ai passanti. Temevo si sarebbe recato in qualche via nascosta ad aggredire qualche donna. Ho chiamato la Polizia e poi ho bloccato l'uomo, che mi aveva aggredito con il contenuto di una borsa (rivelatosi poi un tablet). Gli agenti sono arrivati subito e hanno portato via l'uomo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Da domani mascherine non più obbligatorie all'aperto e a distanza

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • La dieta a Zona per dimagrire e migliorare le funzioni dell'organismo: come funziona

  • Covid 19: nessun morto in Fvg nelle ultime 48 ore, due nuovi casi a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento