menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Lo picchia e lo minaccia con una motosega: aggredito un 59enne italiano a Sesana

Il 59enne stava guidando il suo camper quando un'auto gli ha tagliato la strada. Poi il conducente lo ha aggredito con violenza e i passanti sono intervenuti per evitare il peggio. L'aggressore è ora a piede libero. La polizia indaga

Aggredito, picchiato e minacciato con una motosega: è successo nel giorno di Pasqua a un cittadino italiano, nei pressi di Sesana. A riportare la notizia è il Primorski Dnevnik. L'uomo, di 59 anni, guidava il suo camper quando un uomo alla guida di un'auto gli ha tagliato la strada costringendolo a fermarsi. Parcheggiato a bordo strada, l'italiano è sceso dal camper e a quel punto il conducente dell'auto, in stato di forte agitazione, lo avrebbe attaccato con furia parlando in sloveno. il 59enne ha quindi spiegato che capiva solo solo l'italiano, cosa che non ha fatto altro che aumentare l'agitazione dell'interlocutore, il quale ha estratto dal bagagliaio una motosega minacciando di colpire il camper. L'uomo si sarebbe poi avvicinato al conducente del camper colpendolo ripetutamente alla testa e tenendo la motosega nell'altra mano.

Altre persone sono poi intervenute per impedire che la colluttazione degenerasse, e il conducente dell'auto si è dato alla fuga, facendo perdere le tracce. Il 59enne italiano ha riportato solo un lieve trauma alla testa. La polizia indaga, sull'ignoto aggressore pendono accuse penali per aver aggredito fisicamente qualcuno con un oggetto pericoloso in mano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Festa della mamma: origini e curiosità

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: in Fvg 68 nuovi casi su oltre 4 mila tamponi, un decesso

  • Cronaca

    Autovelox: le postazioni dal 10 al 16 maggio

  • Cronaca

    Migrante "picchiato dalla Polizia", per il Tribunale di Roma non c'è nessuna prova

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento